Shopping degli stranieri in Italia: ecco chi compra di più e quanto spende
A
La crisi c’è e si fa sentire. Nel 2014 il mercato italiano del tax free shopping, cioè gli acquisti compiuti da turisti provenienti da paesi extra Unione Europea, ha registrato un calo del 3% rispetto al 2013. Per fortuna, però, ci sono i cinesi.

Sono loro, con uno scontrino medio di 895 euro, a compensare la flessione dello shopping russo e a classificarsi così come i top spender in Italia. A causa dell’indebolimento del rublo e della complessa situazione politica, gli acquisti dei russi sono scesi del 16%, mentre quelli dei cinesi sono saliti del 13%.

Secondo l’analisi svolta da Global Blue, lo shopping tax free dei cinesi si aggiudica così il 25% del mercato italiano, seguito da quello dei russi, 24%, e degli americani, 6%.

Anche i giapponesi sembrano meno propensi a spendere (-15% rispetto al 2013), mentre i coreani e i cittadini di Hong Kong sono quelli capaci di dare nuova linfa alla nostra economia. I primi coprono per ora solo il 4% del nostro mercato, ma sono quelli che hanno registrato la miglior performance del 2014: +18%. I secondi, invece, sono quelli con lo scontrino medio più alto: quasi 1.115 euro.

Le 3 città italiane regine dello shopping tax free sono Milano, Roma e Venezia, e Milano è quella che registra lo scontrino medio più elevato (oltre 980 euro) in virtù degli acquisti di russi (26%) e cinesi (25%).

Commenta su Facebook

Altro su...

Studi e ricerche