Le aziende italiane che pagano meglio i dipendenti: il Salary Index racconta gli stipendi di dirigenti, quadri e impiegati
A
Non è una delle tante classifiche dell'eccellenza a livelo globale che vede al vertice le solite Apple, Google, Microsoft e co. Questa è una classifica tutta italiana che indaga quali aziende nostrane, o perlomeno con sedi in Italia se multinazionali, pagano meglio i propri dipendenti. Il Company Salary Index è stato elaborato da JobPricing, organizzazione che monitora il mercato retributivo allo scopo di rendere trasparenti i dati relativi a salari e stipendi, sulla base di questionari anonimi compilati da 200mila utenti del portale.

La classifica ordina le aziende in base alla retribuzione annua lorda che erogano a 4 categorie professionali: direttori, dirigenti, quadri e impiegati. Dai dati elaborati, emerge che in Italia la retribuzione media lorda di un dirigente è di 96.500 euro annui, quella di un quadro con responsabilità manageriale di gruppi di lavoro è di 56.300 euro (se non gestisce risorse umane lo stipendio è di 52.600 euro) e quella di un impiegato semplice, cioè senza responsabilità di gestione di altri dipendenti, di 33.200 euro.

Quali sono le aziende che pagano meglio in Italia rispetto alla media di mercato? Il Company Salary Index indica che a livello generale, cioè calcolando la media retributiva delle diverse categorie professionali, l’azienda dove i dipendenti guadagnano di più è Procter & Gamble, che paga il 28% in più dei competitor, seguita da Ferrero, Vodafone ed Eni. Queste 4 aziende, insieme alle successive Siemens e Nuovo Pignone, si collocano sopra la media retributiva rispetto ai concorrenti.

Nella media di mercato si trovano Assicurazioni Generali, Alitalia, Enel e Telecom Italia, che chiude la top ten, ma anche – pur in posizioni successive – IBM, Intesa San Paolo, Telespazio Italia, STMicroelecronics e Unicredit: quest'ultima, al 15° posto, retribuisce i dipendenti l'1,4% in più della media di mercato.
Sotto la media, a livello generale e non di singola categoria professionale, sono invece le retribuzioni erogate da Ericsson, Alstom Ferroviaria, ABB, Magneti Marelli, Accenture, Poste Italiane, Fiat Chrysler Automobile, Deloitte & Touche e CNH Industrial.

La classifica generale è stata realizzata prendendo in considerazione solo le aziende presenti in almeno 3 classifiche parziali, cioè quelle relative alle singole categorie professionali. Da tenere presente, inoltre, che la classifica generale non rispecchia le eventuali differenze retributive fra le varie categorie dei dipendenti: un’azienda potrebbe infatti retribuire sopra la media i dirigenti, ma non i quadri e gli impiegati, o viceversa.

Le aziende erogano le retribuzioni più alte ai dirigenti sono Salini Impregilo, McKinsey & Company e Poste Italiane; per i quadri con competenze manageriali le migliori prospettive di stipendio sono offerte da Cisco Systems, Banco Popolare e Fastweb, mentre per gli impiegati semplici gli stipendi più alti sono in Banca d’Italia, Procter & Gamble ed Enav.

Commenta su Facebook