In Cina bilancia turistica in passivo, i cinesi spendono all’estero più di quanto guadagna l'incoming
A
È la prima volta dal 2002, quando il governo ha ridotto le limitazioni ai viaggi all’estero dei cittadini, che il numero di cinesi in viaggio all’estero ha superato la soglia dei 100 milioni di persone in un anno. Più precisamente, nel 2014 i cittadini della Repubblica Popolare che hanno varcato i confini nazionali sono stati 109 milioni e hanno speso all’estero 165 miliardi di dollari, il 28% in più rispetto al 2013.

Secondo Bloomberg, che riporta la notizia, è la conferma di quanto rapidamente stia aumentando la ricchezza del paese: lo scorso anno il reddito disponibile è cresciuto del 10,1%, sorpassando l’espansione dell’economia nazionale, quantificata a 8,2%.

Per contro, si allarga notevolmente il divario fra quanto entra e quanto esce: i viaggiatori internazionali in Cina nel 2014 sono stati 128 milioni, ma hanno speso soltanto 51,2 milioni di dollari nel paese, incrementando del 50% il passivo della bilancia turistica cinese. Intanto, dice Bloomberg, Ctrip.com, la maggiore agenzia online del paese, prevede che l’outbound cinese nel 2015 crescerà ancora del 15-20%.

Commenta su Facebook

Altro su...

Turismo