Ebola: per ora nessun impatto significativo sul business travel, ma occorre informare chi viaggia per lavoro
A
I travel manager sono tranquilli e dichiarano che l’epidemia di Ebola non ha modificato i comportamenti di viaggio delle aziende, almeno per ora. Il monitoraggio è stato condotto dalla Global Business Travel Association su un campione di travel manager degli Stati Uniti, dove il timore del contagio sta scatenando una vera emergenza nazionale.

L’80% dei quasi 500 responsabili del business travel aziendale interrogati ha però dichiarato che nell’ultimo mese Ebola non ha avuto alcun impatto, o molto poco, sui viaggi internazionali e il 90% ha affermato lo stesso per quanto riguarda i viaggi nazionali.

“Sebbene non ci sia per il momento grande preoccupazione” ha detto il direttore esecutivo della GBTA Michael McCormick, “le aziende monitorano da vicino l’evolversi della situazione. La maggior parte dei travel manager intervistati ha affermato di stare fornendo, o di avere intenzione di farlo al più presto, informazioni specifiche ai dipendenti su come viaggiare in sicurezza”.

Le uniche aziende ad avere cambiato i propri programmi di viaggio internazionali sono, prevedibilimente, quelle che lavorano con l’Africa occidentale: di queste il 52% ha detto di avere limitato i viaggi nell’area.

Commenta su Facebook