Il numero uno di SAP Bill McDermott testimonial della meeting industry: “Gli eventi fanno crescere l’economia”
A
È a capo della maggiore azienda del mondo di software per la business intelligence e, in occasione dell’IMEX America, la fiera che si è svolta nei giorni scorsi a Las Vegas, ha fatto un appassionato intervento in favore della meeting industry, sottolineando il ruolo e il valore degli eventi nella crescita economica delle imprese.

Intervenuto in collegamento video da New York, Bill McDermott, Global CEO di SAP, è stato intervistato da Kevin Olsen, presidente di One Smooth Stone e suo partner di business, di fronte a un affollato parterre di professionisti del settore meeting ed eventi riuniti a Las Vegas per la fiera.

“Il vostro settore è in prima linea nel contribuire alla crescita dell’economia globale” ha detto McDermott al pubblico che lo seguiva in sala. L’intervista ha ripercorso alcune tappe della carriera di McDermott, ricordando quando, a capo di SAP America, il manager ha cambiato la direzione dell’azienda con la decisione di organizzare eventi: “In 3 anni la crescita aziendale è stata 10 volte tanto quella dei precedenti 3 anni, e questo grazie anche al fatto che era stata completamente ripensata la strategia legata agli eventi” ha spiegato McDermott. E, ricordando il periodo trascorso in Xerox, ha aggiunto: “È stato allora che ho imparato che occorre fare incontrare le persone. Non si possono motivare i dipendenti a fare crescere l’azienda utilizzando le email”.

A proposito di Sapphire Now, l’evento che SAP organizza a cadenza regolare e che riunisce 25mila clienti e 250mila partecipanti “virtuali”, McDermott ha sottolineato l’importanza di progettare eventi che siano in linea con le esigenze dei clienti. “È un investimento di cui possiamo chiaramente misurare il ritorno, perché il desiderio di servire il mercato con creatività è ciò che distingue le aziende di successo da quelle mediocri”. “Quando le persone si riuniscono”, ha concluso, “il mondo non è più lo stesso”.

Sotto, il video dell’intervista a Bill McDermott.

Commenta su Facebook