Turismo: arrivi internazionali a +4,6% nella prima metà 2014, nell’Europa mediterranea l’incoming aumenta del 7%
A
Sono i dati appena presentati dall’UNWTO, l’Organizzazione Mondiale del Turismo, che ha registrato, nel primo semestre 2014, un incremento dei flussi turistici a livello globale, con 517 milioni di turisti che si sono mossi dal proprio paese, 22 milioni in più rispetto allo stasso periodo dello scorso anno.

Il trend di crescita è in linea con quello degli ultimi anni, ha sottolineato il segretario generale dell’UNWTO Taleb Rifai. “Mediamente, dal 2010 i flussi sono aumentati del 5% ogni anno, nonostante la crisi e le difficoltà geopolitiche, traducendosi in crescita economica, incremento dell’export e dei posti di lavoro”.

A fare la parte del leone sono il nord Europa e il sud-est asiatico, a +8%, seguiti dall’Europa mediterranea e dal nord-est dell’Asia, a +7%, dal continente americano. Secondo i dati dell’Organizzazione, in numeri assoluti l’Europa continua a essere il continente più visitato.

In termini invece di mercati emissori, l’UNWTO nota che gli italiani nella prima metà del 2014 hanno incrementato la spesa per viaggi all’estero dell’8%, contro il 5% degli americani e il 3% dei francesi. Anche i paesi emergenti registrano un incremento della spesa, sebbene non ai livelli del 2013: i cinesi hanno speso quest’anno il 16% in più per viaggiare all’estero (contro l’incremento del 26% registrato lo scorso anno), mentre i russi hanno aumentato le spese del 4%, in netto calo rispetto al 25% del 2013.

Commenta su Facebook