Il 2019 sarà l’anno della maturità digitale per le aziende europee
A
I prossimi 5 anni saranno decisivi per le aziende europee: è infatti il lasso di tempo che permetterà loro di conseguire la maturità digitale, traguardo che significa utilizzo di strumenti avanzati e tecnologie per potenziare il business, sviluppo dell’information technology e gestione digitale dei processi interni ed esterni.

La previsione ottimistica viene dai 1.245 dirigenti aziendali di 8 settori coinvolti nella ricerca Digital Maturity commissionata dalla multinazionale che produce strumenti e servizi per la gestione dell’ufficio Ricoh Europe. Secondo l’analisi, entro il 2019 avrà superato lo step della trasformazione digitale ben il 71% delle imprese: un dato positivo che però non manca di sorprendere.

La medesima ricerca svolta solo un anno fa, infatti, aveva evidenziato come ben il 63% dei dirigenti non ritenesse la propria azienda pronta per compiere il grande salto. Un cambio di aspettativa dovuto probabilmente a 2 fattori: la rapidità dell’evoluzione tecnologica e, parallelamente, l'acquisita consapevolezza dei vantaggi del digitale.

Nonostante i costi rimangano l’ostacolo maggiore per la maturità digitale, i benefici sono sempre più condivisi. L’80% degli intervistati si aspetta dal digitale l’aumento della velocità dei processi aziendali, il 73% la crescita dei profitti e il 70% un maggiore vantaggio competitivo. Non solo: fra i benefici vengono citati una più alta attrattività dell’impresa nei confronti di potenziali investitori e nuovi eventuali proprietari e una capacità decisionale più veloce.

A fronte di tanto ottimismo non manca però una riflessione critica: “I dirigenti aziendali devono superare alcuni ostacoli per assicurarsi di disporre dell'infrastruttura IT adeguata a supportare la maturità digitale e poter così fare leva sui numerosi vantaggi che ne derivano" dice David Mills, chief executive officer di Ricoh Europe. "L’analisi periodica dei processi, l’innovazione delle modalità lavorative e l'integrazione di nuove tecnologie sono fattori fondamentali per raggiungere questo obiettivo”.

Commenta su Facebook