Starhotels chiude un anno di investimenti in ristrutturazioni con il bilancio in utile e ricavi a +3%
A

Elisabetta Fabri

È stato un anno che ha visto il completamento della ristrutturazione dello Starhotels Michelangelo di Roma, l’avanzamento lavori per il rifacimento dello Starhotels Majestic di Torino e dello Starhotels Michelangelo di Firenze nonché il rinnovo delle sale meeting dello Starhotels Terminus di Napoli e le camere dello Starhotels Business Palace di Milano.

Nel corso dell’esercizio 2013, chiusosi a dicembre, la catena alberghiera italiana ha investito 13,5 milioni di euro per riqualificare le proprie strutture, portando a 174 milioni l’ammontare complessivo degli investimenti compiuti negli ultimi 10 anni per adeguare i propri 22 alberghi a nuovi standard tecnologici e qualitativi.

“Per Starhotels l’anno 2013 è stato un anno particolarmente positivo” ha detto Elisabetta Fabri, presidente e amministratore delegato del gruppo”. “I ricavi da prestazioni alberghiere hanno evidenziato un incremento di oltre 5 milioni di euro, pari al +3% rispetto a quelli realizzati nell’esercizio 2012, che aveva visto il miglior fatturato della nostra storia aziendale. Abbiamo quindi raggiunto i macro obiettivi di riduzione dell’indebitamento, incremento del fatturato,  mantenimento degli investimenti e dei  margini di profittabilità”.

L’esercizio 2013, il cui utile è di 5,6 milioni di euro, è stato caratterizzato da un incremento dei ricavi sia nella capogruppo Starhotels SpA sia nella controllata SAS Castille, la società che detiene e gestisce lo Starhotels Castille a Parigi.

Commenta su Facebook