Starwood lancia SPG per Google Glass, l’applicazione per vedere e prenotare gli alberghi con gli occhiali intelligenti
A
Riservare una stanza d’albergo con smartphone e tablet sta quasi per diventare obsoleto: anzi, per Starwood Hotels & Resorts lo è già. Il colosso americano dell’hotellerie (1.200 le strutture nel mondo) ha infatti lanciato l’applicazione che permette di scegliere, vedere e prenotare un albergo attraverso i Google Glass, gli occhiali "intelligenti" per la realtà aumentata.

La nuova app SPG (Starwood Preferred Guest) per Google Glass è stata progettata e realizzata internamente dal dipartimento tecnologico di Starwoord e fa del gruppo un vero capofila sul fronte dell’utilizzo di nuove tecnologie, ha detto Chris Holdren, senior vice president di Starwood Preferred Guest & Digital: “La tecnologia indossabile è il nuovo canale attraverso cui potremo interagire con gli ospiti per fornire loro tutte le informazioni per migliorare la loro esperienza di viaggio e di accoglienza”.

“Proprio per questo il nostro obiettivo è quello di utilizzare sempre più queste risorse per comprendere ancor meglio i nostri clienti e assisterli in ogni momento del viaggio, da quando valutano la loro prossima destinazione a quando varcano la soglia di un nostro albergo”, prosegue Holdren.

L’applicazione, in effetti, permette di “muoversi” nel mondo Starwood compiendo diverse azioni, fra cui la ricerca vocale (e la successiva prenotazione) di una struttura in base a parametri come la vicinanza, la destinazione o il codice dell’aeroporto. Sempre inforcando gli occhiali intelligenti è possibile poi effettuare una site inspection virtuale guardando le immagini degli hotel, personalizzare il proprio soggiorno e farsi riconoscere all'arrivo in albergo.

Commenta su Facebook