Clienti più soddisfatti degli hotel italiani: è Bologna la città con le strutture alberghiere più apprezzate
A
Gli investimenti sostenuti dagli albergatori italiani per migliorare la soddisfazione dei clienti stanno dando i primi frutti. Rispetto allo scorso anno, infatti, aumenta il numero di ospiti che si ritiene soddisfatto del servizio ricevuto sotto diversi aspetti: la gentilezza del personale, il rapporto qualità/prezzo, l’offerta di strutture fitness e wellness e il livello del food & beverage.

Secondo la classifica stilata dal portale di prenotazione  Hotel.info sulla base dei giudizi espressi dagli utenti dopo il soggiorno (su una scala da 1 a 10) la valutazione media dei clienti degli alberghi italiani è infatti passata dai 7,26 punti del 2013 ai 7,29 del 2014, un risultato che vede le nostre città competere con quelle più apprezzate d’Europa sul fronte della qualità dell'offerta alberghiera.

Bologna, prima città italiana per indice di gradimento già nel 2013, si conferma anche nel 2014 come destinazione leader, oltretutto in crescita, per qualità degli alberghi, seguita sul podio da Genova e Catania. Rimangono indietro Milano e Roma che, nonostante le performance in salita, non riescono a guadagnare un 7 pieno e a rientrare, così, nella top ten.

Le grandi città, però, sembrano faticare non solo in Italia sul fronte della customer satisfaction alberghiera. Londra e Amsterdam, infatti, pur avendo migliorato il proprio punteggio non arrivano al 7 e vengono escluse dalla top ten europea dominata, per il secondo anno consecutivo, da Varsavia, Helsinki e Berlino.

Anche guardando oltreoceano non mancano le sorprese. Se infatti Tokyo e Bangkok si confermano ai primi 2 posti, ecco che Santiago del Cile scalza Singapore aggiudicandosi il 3° posto; seguono Sydney, Singapore e poi Pechino, che perde due posizioni e si attesta al 6° posto. Dalla 7° posizione in poi, nessuna variazione rispetto allo scorso anno: la top ten della soddisfazione alberghiera si chiude con Buenos Aires, San Paolo, New York e Rio de Janeiro.

Commenta su Facebook