Prestito di Stato per completare il nuovo centro congressi di Roma, la Nuvola aprirà in tempo per Expo 2015
A
Via libera alla ripresa dei lavori per il completamento del nuovo centro congressi di Roma grazie a un emendamento della Legge di Stabilità che stabilisce l’erogazione di un prestito di Stato di 100 milioni di euro a Eur SpA, la società committente dell’opera che fa capo per il 10% al Comune di Roma e per la restante parte al Ministero delle Finanze.

I lavori per la realizzazione della Nuvola progettata da Massimiliano Fuksas, cominciati nel 2007, rischiavano di rimanere incompiuti a causa della mancanza di fondi: in 6 anni di cantiere i costi sono infatti aumentati dai 272 milioni indicati nella gara d’appalto agli attuali 415. Ora il prestito dello Stato, da restituire entro 30 anni, dà ossigeno alle casse di Eur Spa consentendole di investire senza dovere vendere parte del proprio patrimonio.

Secondo il Corriere della Sera, che ha riportato la notizia, i 100 milioni della Legge di Stabilità riporteranno in cantiere 200/300 operai, che entro fine 2014 dovrebbero terminare l’ultima parte dei lavori (a oggi lo stato di avanzamento della struttura è del 76%). Pierluigi Borghini, presidente di Eur SpA, prevede poi ulteriori 6 mesi per ottenere l’agibilità e stima che l’inaugurazione del centro congressi potrà avvenire in tempo per Expo 2015.

Commenta su Facebook

Altro su...

Centri congressi