Il Palacongressi di Rimini si trasforma per ospitare la Gran Loggia 2012, assise della massoneria con 3.000 partecipanti
A
L’evento annuale di riferimento per la comunità massonica italiana, chiamato la Gran Loggia, è stato ospitato ancora al Palacongressi di Rimini, ma per la prima volta negli ampi spazi del nuovo centro congressi, molto apprezzato dagli organizzatori. Oltre 3.000 i partecipanti alla tre-giorni svolta nel weekend dal venerdì 30 marzo a domenica 1° aprile.

Per l’assemblea annuale della Loggia del Grande Oriente d’Italia sono richiesti un rituale simbolico e un’ambientazione molto complessi che hanno reso particolarmente impegnativo il lavoro dell’ufficio progettazione interna del Palacongressi, svolto in collaborazione con gli organizzatori, per "ridisegnare" la struttura con una scenografia multimediale e allestimenti di grande impatto.

Nella grande Sala della Piazza è stato ricostruito il Tempio, ovvero il luogo raffigurante l’universo, dove si svolgono tutti i lavori massonici: allestito su una superficie di circa 2.400 metri quadri, ha accolto le sedute (999 in platea, 598 sulle gradinate e 101 sul palco), la Scacchiera composta da 784 riquadri per una lunghezza di 49 metri, le 14 colonne perimetrali e gli oltre 1.000 mattoni (realizzati in legno con un "effetto pietra” molto realistico).

Una soluzione suggestiva è stata ideata anche per il fondale, illuminato senza soluzione di continuità lungo 160 metri su tre lati della sala, per consentire la proiezione di immagini dinamiche, in grado di riprodurre l’avvicendarsi del sole e delle stelle, del giorno e della notte. Anche il progetto di illuminazione ha richiesto uno sforzo tecnico speciale, con 800 metri di americane al soffitto (sollevate da 68 motori) e 300 canali di alimentazione attivati per supportare i 1.100 kilowatt di potenza necessari.

Nei tre giorni di evento le sessioni di lavori associativi si sono alternate a talk-show e convegni aperti al pubblico (cui sono intervenuti esponenti del mondo della cultura e della politica) e a mostre di libri antichi, esposizioni di prodotti editoriali del settore, cene, momenti sociali e spettacolari, come il concerto del gruppo degli Stadio.

Commenta su Facebook