Sheraton: campagna pubblicitaria milionaria e nuovi alberghi in Cina
A
Starwood Hotels & Resorts Worldwide mette in campo una campagna pubblicitaria da 20 milioni di dollari, Meet You There, per comunicare il completamento del progetto triennale di rilancio del marchio Sheraton. La catena sottolinea l’aumento della quota di mercato e dei ricavi del gruppo: allo stato attuale, inoltre, la “nuova” Sheraton ha il portfolio di strutture più ampio e i più elevati feedback in termini di soddisfazione dei clienti nella storia del brand.

Le attività di rebranding puntano a promuovere l’interazione tra gli ospiti: per esempio, tramite le postazioni tecnololgiche Link@Sheraton (sviluppate con Microsoft), lo Sheraton Fitness (curato da Core Performance) e il potenziamento delle sale Club Lounge.

La vision della campagna Meet You There, pertanto, prende le mosse da un trend che emerge fra gli ospiti: l’aumento della domanda di spazi "sociali" all’interno delle strutture e a fruire di esperienze di interazione culturale, tecnologica e sportiva. Per questo le immagini della campagna mostrano gli ospiti degli Sheraton intenti in un mix di viaggio d’affari e svago, ovvero business e leisure (“bleisure”).

Le agenzie che hanno curato la strategia e la creatività sono Razorfish e Kaplan Thaler, entrambe di Publicis Groupe. La campagna, avviata sui quotidiani (Usa Today, New York Times), uscirà online l’11 luglio (NYTimes.com, CNN.com, Frommers, BlogHer, TripAdvisor) e in agosto nei periodici (Conde Nast Traveler, Wired, Time). Prevede affissioni tradizionali e digitali (una delle caratteristiche del progetto è l’uso di schermi  touch in esterni, per invitare i viaggiatori a scoprire il brand, negli aeroporti degli Stati Uniti, contenuti per dispositivi mobili e partnership con Xbox e CBS Sports.

Sheraton inoltre ha fatto sapere che entro settembre aprirà sette nuovi alberghi in Cina, un lancio che segue lo spostamento del quartier generale della multinazionale a Shangai. I sette hotel saranno così suddivisi: il secondo Sheraton a Pechino, il secondo a Xian e il primo nelle città di Chongqing, Yantai, Guangzhou, Zhenjiang, Wanning e Hangzhou. Il portfolio cinese salirà quindi a 42 alberghi entro la fine dell’anno: l’obiettivo è arrivare a 100 strutture nel Paese entro il 2012.

La Cina avrà un ruolo di primo piano nel mercato travel del prossimo decennio, con 100 milioni di stranieri attesi entro il 2015. Ancor più importante per Starwood, considerato l’aumento del 71% di viaggiatori cinesi tra gli Starwood Preferred Guest nel 2010. È stato il primo gruppo straniero a investire nel Paese con l’apertura nel 1985 del The Great Wall Sheraton a Pechino.

Commenta su Facebook