Barcellona, il centro congressi porta alla città 388 milioni di euro e potenzia le misure per la riduzione dell’impatto ambientale
A
È stato un anno di risultati positivi per il centro congressi di Barcellona (CCIB), che se da un lato ha visto aumentare numero dei partecipanti (+12%) e volume d’affari (+19,5%), dall’altro ha registrato una decisa riduzione dell’impatto ambientale della propria attività grazie all’adozione di misure di sostenibilità ad ampio respiro.

Con una capacità di 15mila posti – distribuiti fra un auditorium da 3mila posti e 38 sale meeting – e un’area espositiva polivalente di 11mila metri quadrati, nel 2016 la struttura ha generato un impatto economico sulla città derivante dalla spesa dei partecipanti agli eventi ospitati pari a 388,7 milioni di euro, con un incremento del 24% rispetto al 2015 e un aumento dell’11% il numero di posti di lavoro generati direttamente.

In termini di impatto ambientale, lo scorso anno il Barcelona International Convention Centre ha ridotto dell’8,5%% il consumo di carta e del 9% il consumo energetico per partecipante, aumentando nel contempo del 47% la quantità di rifiuti destinati al riciclo. La struttura offre inoltre ai clienti la possibilità di compensare le emissioni dei loro eventi attraverso un programma che applica a tutte le proprie attività: in questo modo nel 2016 sono state compensate le emissioni di 175 tonnellate di anidride carbonica sostenendo progetti legati all’energia eolica e a quella derivante dalle biomasse.

Commenta su Facebook