Alberghi: in aumento occupazione e fatturato, crescono i pernottamenti degli italiani e degli stranieri
A
L’andamento del comparto turistico italiano è positivo e in crescita, e nel secondo trimestre di quest'anno tutti i principali indicatori – l’occupazione delle camere d’albergo, il fatturato degli hotel e la spesa dei visitatori stranieri – hanno registrato il segno più.

A fotografare il trend è il Barometro del Turismo, il rapporto realizzato da Federalberghi con l’Ente Bilaterale Nazionale Turismo secondo il quale le presenze complessive nelle 33.163 strutture alberghiere del paese sono aumentate del 7,3%. L’instabilità politica di molte tra le destinazioni turistiche competitor ha fatto aumentare l’indice di gradimento dell’Italia sia tra gli italiani sia tra gli stranieri: i pernottamenti degli italiani sono cresciuti infatti del 6,3% e quelli degli stranieri dell’8,1%.

Più clienti hanno significato per gli alberghi più occupazione, più ricavo medio e più assunzioni. Rispetto al 2016 l’occupazione è aumentata del 3,2% e il ricavo medio per camere vendute del 4,9%. Per quanto riguarda il fatturato, il confronto con il primo trimestre dell'anno indica un incremento dello 0,8%, percentuale che sintetizza due dati di indice opposto e cioè la diminuzione dei ricavi per servizi di alloggio (-0,9%), e l’incremento di quelli per servizi di ristorazione (+1,5%).

Il saldo positivo ha spinto gli alberghi a potenziare gli investimenti in risorse umane, anche se con forme contrattuali di breve respiro: paragonati al secondo trimestre del 2016 gli occupati in hotel sono aumentati del 2,2% con una maggiore incidenza, +4,15%, del personale con contratti a tempo determinato.

Positivi anche i dati della spesa turistica: nel solo mese di aprile i visitatori internazionali hanno speso in Italia 2,8 miliardi di euro (+8% rispetto allo stesso mese del 2016), e poiché gli italiani hanno speso all'estero 1,7 miliardi, la bilancia dei pagamenti turistici ottiene quindi un saldo netto positivo di oltre un miliardo di euro, con un aumento del 7,9%.

Commenta su Facebook