L’impatto della Fashion Week sugli alberghi delle 4 capitali della moda: a Milano i 5 stelle aumentano le tariffe del 17%
A
Partirà l’8 settembre a New York per poi arrivare il 16 a Londra, il 21 a Milano e il 27 a Parigi. È la Fashion Week, la kermesse internazionale che riunisce nelle capitali della moda buyer, influencer, blogger e giornalisti per assistere alle sfilate e partecipare a eventi esclusivi.

Come ogni anno l’evento mondiale più glamour impatta, e favorevolmente, sul settore alberghiero. Secondo quanto riportato dall’Osservatorio condotto da Trivago la città che trarrà più beneficio dalla Fashion Week sarà New York. Nella Grande Mela le tariffe degli hotel dal 7 al 14 settembre arriveranno a 407 euro per notte, segnando un aumento del 26% rispetto ai 323 della settimana precedente.

Anche Parigi ha di che ringraziare il fashion system che accorrerà per ammirare le creazioni di Karl Lagerfeld e Olivier Rousteing. Dal 27 settembre al 5 ottobre la capitale francese vedrà salire le tariffe dei propri alberghi del 13%, passando da 192 a 216 euro.

Milano, dove sono attese le anteprime di Gucci, Versace e Prada, sembra invece sapersi accontentare. Tra 21 e il 27 settembre una camera d’albergo costerà 210 euro, il 6% in più dei 198 della media. Ad aumentare in maniera più marcata saranno però i prezzi degli hotel 5 stelle, dove una camera passerà da 501 a 588 euro.

La città che sembra meno sensibile al richiamo della moda è Londra. Complice forse l’effetto Brexit e la volontà di non perdere potenziali buyer, la città che ospiterà l’edizione più corta della Fashion Week si prepara ad accoglierla con tariffe alberghiere non in crescita ma, anzi, in flessione. Il pubblico di brand quali Burberry e Alexander McQueen dal 16 al 20 settembre potrà dormire spendendo mediamente 238 euro, il 2% in meno della settimana precedente.

Commenta su Facebook