Baglioni Hotels con un +18% di fatturato prepara l’espansione alle Maldive: nel 2017 il primo 5 stelle lusso italiano delle isole
A
La catena italiana annuncia ottimi risultati di fatturato e di occupazione e si concentra ora sul prossimo passo del piano di espansione all’estero. Il bilancio 2015 è stato chiuso con un fatturato di 55 milioni di euro, il 18% in più rispetto all’anno precedente, e il tasso di occupazione medio registrato negli alberghi in Italia (a Milano, Venezia, Firenze, Punta Ala e Roma, per un totale di 7 strutture) è stato del 75%. La migliore performance è stata quella del Carlton di Milano, che grazie anche all’effetto Expo ha concluso l’anno con un +28%.

“Siamo una proprietà familiare che non ha mai voluto cedere a compromessi sulla qualità”, dice il CEO Baglioni Hotels Guido Polito, “e l’andamento positivo conferma la validità del nostro modello di business. Nel corso degli ultimi anni abbiamo preferito adottare una strategia d’investimento sul brand, sulle competenze e sull’internazionalizzazione”.

La catena guarda già al 2017, quando nell’isola maldiviana di Maagau aprirà il Baglioni Resort Maldives, struttura a basso impatto ambientale con 99 ville e una clientela composta prevalentemente da italiani, inglesi e americani (gli stranieri costituiscono già oggi il 90% degli ospiti Baglioni in Italia). Il resort sarà il primo 5 stelle lusso italiano delle Maldive e contribuirà a raggiungere nel 2017 il fatturato di 58 milioni di euro in obiettivo.

Commenta su Facebook