Competizione e competitività: 5 trend di mercato che impattano sulle location per eventi
A
La competizione aumenta e i fattori di competitività cambiano: avviene in tutti gli ambiti e a maggior ragione in quello delle location per eventi, il cui mercato di riferimento si evolve rapidamente in termini di format, obiettivi di business e aspettative dei partecipanti. Per affrontare la competizione le location devono affinare le strategie di marketing e vendita, e per accrescere la propria competitività devono sapere cosa vuole oggi il mercato.

A dare alcune indicazioni è Rob Davidson, noto esperto di settore oggi titolare della società di consulenza MICE Knowledge e co-autore del volume Marketing Destinations and Venues for Conferences, Conventions and Business Events: sul blog di IMEX indica i 5 trend di mercato che, secondo lui, chi si occupa di promuovere e vendere le strutture per eventi deve conoscere. Eccone una sintesi.

La diversificazione dei competitor
Che quello di ospitare eventi e congressi sia un business profittevole non è una novità: il fenomeno recente è che sempre più città e destinazioni lo hanno capito e investono ora nella costruzione di centri congressi, affollando le mappe degli organizzatori di eventi e rendendo il mercato più competitivo. Parallelamente il mercato si è diversificato, e ai tradizionali centri congressi, alberghi e dimore storiche si affianca ora un’offerta strutturata per meeting ed eventi anche da parte di location non tradizionali come musei, teatri, strutture sportive, centri commerciali o stabilimenti industriali, che intercettano la crescente domanda di eventi di un solo giorno e di piccole dimensioni.

Il brand della location come fattore di scelta
Fattore di crescente rilevanza per il corporate, segnala Davidson, è quanto l’immagine e il brand della location riflettono quelli dell’azienda. Gli event planner sono consapevoli che la location dove portano il proprio evento deve veicolare valori, suggestioni e obiettivi in linea con quelli dell’azienda. Al di là delle considerazioni tecniche, logistiche e di servizio, la scelta della location passa oggi anche attraverso la valutazione delle sua immagine e percezione sul mercato.

L’integrazione con la città
Sono finiti i tempi in cui i delegati si chiudevano nel centro congressi isolandosi dalla destinazione che li ospitava. Oggi i partecipanti vogliono fruire della destinazione e farne esperienza diretta. L’architettura dei moderni centri congressi, con grandi vetrate panoramiche affacciate sulla città, riflette questa tendenza all’integrazione con la destinazione, e il trend attuale è quello di costruirli nel centro delle città. La vicinanza della location alle attrazioni locali, che permette ai partecipanti di fare esperienza della destinazione anche nel poco tempo a disposizione, è oggi un importante fattore di appeal, sostiene Davidson.

Accessibilità sostenibile
L’impatto ambientale dei centri congressi e della loro attività negli ultimi anni è stato significativamente ridotto: le strutture più moderne sono state costruite con tecniche e materiali sostenibili, hanno impianti per la riduzione del consumo energetico, riciclano i rifiuti, sono attente al consumo d’acqua. L’attenzione si sposta quindi verso l’accessibilità, che deve essere anch’essa sostenibile: location raggiungibili con il trasporto pubblico e con piste ciclabili, o accessibili a piedi dagli alberghi con percorsi godibili, sono la chiave per ridurre costi e impatto ambientale e alleggerire il traffico nel quartiere congressuale.

Gli investimenti in connettività
Non poteva mancare, fra i fattori di competitività di una location per eventi, quello della connettività a internet tramite wi-fi. Disporre di un’infrastruttura a banda larga capace di sostenere il crescente numero di dispositivi mobili per persona e il crescente uso che se ne fa durante gli eventi (streaming video, app dell’evento, social media, attività di gamification) non è più una scelta, ma una necessità. E, aggiunge, Davidson, è un investimento che deve essere costante nel tempo, perché l’infrastruttura deve essere aggiornata almeno una volta ogni 5 anni.

Commenta su Facebook