Hilton raggiunge il traguardo della presenza in 100 paesi e lancia Tru, il nuovo brand alberghiero social e tecnologico
A
Con l’apertura a metà gennaio dell’Hilton N’Djamena, situato nell’omonima città del Ciad, il gruppo alberghiero annuncia di avere raggiunto il traguardo della presenza in 100 paesi del mondo e di proseguire la crescita a ritmo serrato con ulteriori 100mila camere in sviluppo, pari al 20% di tutte le camere d'albergo in costruzione a livello globale.

Nel 2015 Hilton ha aperto in media una nuova struttura al giorno, convertendo da brand competitor o da hotel indipendenti ben 14.500 camere e creando 20mila nuovi posti di lavoro nel mondo. A oggi, il gruppo gestisce 4.600 strutture, che nel corso dell’anno scorso hanno accolto 140 milioni di ospiti.

E a ridosso del record geografico arriva anche la notizia del lancio di un nuovo brand, il 13° del portfolio: si chiama Tru e debutterà entro l’anno negli Stati Uniti e poi in Canada, con un programma di espansione già confermato per 102 alberghi nelle maggiori città americane.

Gli alberghi Tru saranno di fascia media – quella con il più ampio bacino di mercato – e saranno social, tecnologici ed essenziali, con ampi spazi comuni per lavorare e socializzare, camere semplici ma attrezzatissime, breakfast su misura e un concept che si adatta tanto ai contesti urbani quanto a quelli extraurbani o aeroportuali.

Commenta su Facebook