Come si muoveranno gli alberghi nel 2016: la priorità è potenziare marketing e vendite
A
Ottimisti e pronti a investire per sfruttare il trend favorevole. È questo il mood degli albergatori europei che, prevedendo un 2016 positivo, stanziano budget per potenziare competitività, commercializzazione e redditività delle strutture.

Secondo l’European Hotelier Pulse-Check, il report condotto da Choice Hotels Europe coinvolgendo i propri affiliati di 5 paesi inclusa l'Italia, a essere fiducioso circa il buon andamento del settore alberghiero è il 78% degli intervistati, e la medesima percentuale è ottimista riguardo l'incremento delle tariffe.

Per trasformare le prospettive in realtà gli albergatori si muovono investendo in promozione e qualità. Potenziare le attività di sales e marketing per attirare nuovi clienti è l’obiettivo prioritario non solo per l'anno in corso, ma per tutto il prossimo triennio, e due terzi degli intervistati, il 69%, sono intenzionati a ristrutturare i propri alberghi. Visti gli investimenti programmati, ottimizzare la gestione dei ricavi diventa un imperativo ancora più categorico, tanto che il trend del 2016 sarà l’incremento dell’uso dei programmi di revenue management.

Le mosse per fidelizzare i clienti e conquistarne di nuovi prevedono anche azioni su misura per incrementare le presenze dei viaggiatori d’affari: il 28% degli albergatori doterà le strutture di una banda larga più veloce, il 24% aumenterà le tipologie di tariffe business proponendole sui principali canali di distribuzione e quasi la metà si impegnerà per ampliare le adesioni dei clienti business ai programmi di fidelizzazione.

Commenta su Facebook