In arrivo la prima catena di alberghi sottomarini: i Planet Ocean Underwater Hotels potranno anche navigare
A
L’idea è della società americana Planet Ocean Underwater Hotel, che dopo una fase di progettazione durata oltre 2 anni sta ora realizzando il prototipo del suo primo albergo sottomarino con l’obiettivo di testarlo nell’arco di 9 mesi nel mare di Cuba. E superata la fase di startup la società prevede la realizzazione di hotel subacquei nei fondali più spettacolari del mondo, quali quelli di Egitto, Hawaii, Fiji, Maldive e Polinesia.

Ogni albergo richiede un investimento alto (ma non impossibile) di 20 milioni di dollari, è collocato a una profondità di 8 metri ed è raggiungibile con un ascensore. La struttura modulare ha forma cilindrica per aiutare a diffondere in maniera omogenea la pressione dell’acqua ed è composta da un salone e un corridoio centrale attraverso cui si accede alle 12 camere. Ampie ciascuna circa 24 metri quadrati e ospitate in strutture simili a baccelli, offrono agli ospiti letti king size, frigobar, televisione e connessione a internet e, soprattutto, la vista della natura marina, il tutto a una tariffa che dovrebbe oscillare dai 3 ai 6mila dollari.

Ciò che differenzia il progetto dei Planet Ocean Underwater Hotels da altri esempi di ambienti ricettivi sottomarini è il sistema di propulsione elettromeccanica grazie al quale gli alberghi potranno navigare e spostarsi autonomamente, per esempio qualora si presenti la minaccia dell’arrivo di un ciclone che richieda di trovare riparo in acque più tranquille.

Commenta su Facebook

Altro su...

Alberghi