La sharing economy per gli albergatori: presentato SI Hotels, progetto collettivo di servizi gestionali a supporto del business
A
Restituire forza al comparto alberghiero fornendogli servizi gestionali strategici che ne rilancino la competitività e ne sviluppino la dimensione industriale. È la mission di SI Hotels (Sistema Italiano Hotels), cooperativa di imprenditori alberghieri che si aggregano per beneficiare delle opportunità date dall’economia di scala su temi concreti come la costruzione e gestione del prodotto alberghiero.

L’idea è quella che la sharing economy funzioni anche dalla parte dell’offerta, e che mettersi insieme per fruire di consulenze gestionali, soluzioni tecnologiche, centrali acquisto comuni, prodotti assicurativi e di credito disegnati su misura possa aiutare le (generalmente piccole) aziende alberghiere italiane a sostenere e sviluppare il proprio business. L’unione fa la forza, insomma, oggi più che mai.

SI Hotels è una spin-off di Best Western Italia, che nata da poco conta già 100 strutture affiliate. L’hanno presentata Gianfranco Castagnetti e Giovanna Manzi, rispettivamente presidente e CEO di Best Western Italia, sottolineandone la caratteristica inclusiva di società cooperativa aperta a tutti gli imprenditori alberghieri, anche a chi non è affiliato Best Western ma magari ad altri brand, e indipendentemente dalla categoria dell’hotel.

La formula di SI Hotels è simile a quella del contratto di rete, con però alcune differenze di rilievo: l’obiettivo non è la promozione commerciale bensì la costruzione e gestione ottimale del prodotto; l’aggregazione non è territoriale, ma trasversale; i progetti e gli strumenti messi a disposizione dei soci sono quelli concreti che servono all’operatività quotidiana degli alberghi. “La vision”, ha detto Castagnetti, “è quella di una realtà partecipativa, un progetto collettivo che vada a supporto degli imprenditori superando la frammentazione anche delle forme di aggregazione esistenti”.

La formula è cooperativa, ma l’approccio è industriale, con 5 divisioni sinergiche che erogano servizi in 5 diverse aree: SI Experience si occupa di riqualificazione del prodotto alberghiero, miglioramento dell’esperienza dell’ospite, formazione dello staff; SI Performance offre soluzioni tecnologiche, strumenti gestionali e strategie di distribuzione e CRM; SI Consulting fornisce consulenze su misura; SI Supply, che è l’evoluzione di Besteam, la centrale acquisti di Best Western, offre una rete di fornitori collaudati a condizione contrattuali vantaggiose; SI Protection, infine, si occupa di risk management attraverso la stipula di polizze assicurative disegnate specificatamente sulle esigenze alberghiere.

“SI Hotels non deve fare profitto, ma investire nei servizi per i soci attraverso partnership strategiche” ha spiegato Giovanna Manzi. “A oggi abbiamo stipulato partnership con UniCredit per il credito, con il Politecnico di Milano per l’usabilità dei sistemi tecnologici, con LifeGate per gli interventi di sostenibilità, con Travel Appeal per la parte di reputazione online e con Strategica Group per il risk management”.

La quota capitale per associarsi alla cooperativa è di 500 euro. “Il progetto” conclude Giovanna Manzi, “sarà divulgato nei prossimi mesi: sareno al NF di Bergamo, all'Hospitality Day di Rimini, al BTO di Firenze e poi in roadshow in 7 città. Entro il 2016 contiamo di arrivare almeno a 200 strutture affiliate”.

© Event Report – riproduzione consentita con credito e link alla fonte

Commenta su Facebook

Altro su...

Alberghi

Best Western