La reggia di Versailles cerca un investitore milionario per diventare hotel di lusso
A
La spending review colpisce anche i patrimoni dell’Umanità le cui spese di manutenzione e ristrutturazione sono sempre meno sovvenzionate dai fondi pubblici. Per affrontare i costi di gestione della reggia di Versailles, la residenza reale dei Borbone di Francia, i suoi amministratori hanno pensato di trasformarla almeno in parte in hotel, ovviamente di lusso.

La gara di appalto prevede la ristrutturazione e successiva gestione per 60 anni di 3 palazzi – Grand Controle, Petite Controle e Pavillon des Premieres Cent Marches – situati uno dietro l’altro, ai margini dei celebri giardini, per una superficie totale di quasi 3mila metri quadrati.

Gli edifici non rientrano nei classici tour della reggia e non sono utilizzati da più di 7 anni. Facile intuire che le condizioni in cui versano non siano esattamente delle più felici. Le stime parlano di un investimento che arriva a 7milioni di euro per renderli di nuovo agibili e di altri 4 per trasformarli in albergo.

Il budget non sembra però spaventare il colosso dell'hotellerie francese Accor Hotels che, secondo indiscrezioni, è pronto ad accollarsi la spesa per offrire ai propri clienti la possibilità di soggiorni da re e regine.

Commenta su Facebook

Altro su...

Alberghi