Tariffe alberghiere: Venezia è sempre la città più cara d’Italia, ma l’impennata maggiore si registra a Torino
A
È la città più cara d’Italia e la terza più cara d’Europa, almeno per quanto riguarda le tariffe alberghiere, che a Venezia nell’ultimo anno (il confronto è fra il terzo trimestre 2015 e lo stesso periodo 2014) si sono alzate del 5,3% per una media di 160 euro a notte.

Al secondo posto, secondo il Price Radar di HRS, c’è Milano, con un balzo del 15% e un prezzo medio di 138 euro a notte (che invece i dati del Comune di Milano danno a 181 euro a notte).

Dopo Firenze, Roma e Bolzano, al sesto posto c’è Torino, che registra un aumento medio del 17%, il più elevato fra le 10 città considerate, con 102 euro. Forti aumenti, del 16,5%, anche a Napoli, che si piazza al nono posto con 92 euro di media dopo Genova e Verona. La città più conveniente è Bologna, dove una camera costa 84 euro.

In Europa, HRS ha registrato impennate di prezzo a Londra e Zurigo, le due città più care del continente con 191 e 173 euro per notte. Venezia come detto è terza, seguita da Copenhagen, Amsterdam e Parigi, poco più cara di Milano con 146 euro.

Commenta su Facebook