L’Autodromo di Monza inaugura il Museo della Velocità e amplia il carnet di esperienze anche per i gruppi aziendali
A
Si sviluppa in 14 aree tematiche ed è stato concepito per ampliare l’offerta di esperienze di cui fruire in uno dei circuiti dell’alta velocità più famosi nel mondo. Il Museo della Velocità dell’Autodromo di Monza è stato inaugurato venerdì scorso, e si presenta come un percorso multisensoriale che ha l’ambizione di interpretare le emozioni dei motori e della pista.

Il concept espositivo è stato sviluppato da Ippolito Alfieri, fondatore dell'agenzia di comunicazione Koan Moltimedia, che ha racchiuso ciascuna delle 14 aree tematiche (categorie di auto e moto, tecnologia, motori, cockpit, piloti, sicurezza, vittorie, velocità, pneumatici, abbigliamento, media e tv, pubblico, pista, box e paddock) in box che contengono contenuti grafici, multimediali e memorabilia.

Dopo il museo vero e proprio, l’esperienza prosegue in tutto il circuito grazie alla app con geolocalizzazione GPS che porta i visitatori a scoprire i luoghi dove sono state scritte la pagine gloriose del motorsport, integrando la guida digitale con informazioni su piloti, automobili e moto che hanno fatto storia proprio sulla pista di Monza.

Il Museo della Velocità entra quindi nell’offerta dell’Autodromo anche per le aziende, che già ne utilizzano le sale dello Spazio Eventi e le attività a tema automobilistico (fra cui guida su pista di auto veloci, cambio gomme su auto da Formula 1 nei box, competizioni di go-kart) per fini ludici o di team building.

Commenta su Facebook