Hotel e wi-fi: le catene alberghiere che offrono la connessione migliore
A
In fase di prenotazione di un albergo è più importante sapere se il wi-fi è gratuito oppure se la qualità del wi-fi (gratuito o meno) è adeguata per navigare, lavorare, guardare video o fare chiamate con Skype? Secondo HotelWifiTest, il sito che monitora la connessione wi-fi di 100mila alberghi in tutto il mondo grazie ai test effettuati dagli ospiti attraverso la sua piattaforma, l’informazione più importante è quella relativa alla qualità. In primo luogo perché è difficile da reperire, visto che le piattaforme di prenotazione e i siti stessi degli alberghi contengono quasi sempre informazioni sulla gratuità del wi-fi, ma mai sulla sua qualità; in secondo luogo perché se il wi-fi di buona qualità è disponibile a pagamento è sufficiente pagare per essere connessi, mentre se la connessione è di bassa qualità non si risolve il problema nemmeno pagando la tariffa extra.

Per offrire ai viaggiatori business e leisure un elemento di valutazione in più durante il processo di prenotazione di un albergo, HotelWifiTest ha pubblicato la classifica delle catene alberghiere con la connessione wi-fi di migliore qualità. L’idea è che il brand alberghiero, che tende a uniformare le prestazioni dei propri hotel, sia un affidabile indicatore della qualità del wi-fi prevedibilmente offerto nelle proprie strutture, al netto naturalmente delle macro differenze date dall’ubicazione geografica e dalle infrastrutture locali disponibili.

La qualità del wi-fi è definita “adeguata” da HotelWifiTest quando ha una effettiva velocità di download di almeno 3 Mbps (megabit per secondo), che è quella raccomandata da Netflix per lo streaming video, e una velocità di upload di almeno 500 Kbps (kilobit per secondo), raccomandata da Skype per chiamate video di sufficiente qualità. Oltre alla velocità di connessione, HotelWifiTest fornisce anche informazioni sulla gratuità del wi-fi nelle catene alberghiere, intendendo come tale la connessione disponibile gratis a tutti i clienti (e non solo ai membri dei programmi di fidelizzazione) nella propria camera (e non solo nelle aree comuni). La classifica include le 50 catene alberghiere internazionali più testate e recensite dagli ospiti attraverso il tool di HotelWifiTest.

Secondo le valutazioni di HotelWifiTest la catena con il wi-fi migliore in assoluto è Nordic Choice, gruppo alberghiero norvegese con 120 hotel in Scandinavia e nei paesi baltici: l’85% delle sue strutture offre una connessione di qualità “adeguata” e la gratuità è nel 100% degli alberghi. Al secondo posto c’è Radisson Blu, con il 69% degli alberghi che hanno wi-fi di qualità, e al terzo Renaissance, con il 61% delle strutture attrezzate di buon wi-fi anche se solo il 30% lo offre gratuitamente.

Il ranking prosegue con Mercure, Ibis/Ibis Styles e Scandic Hotels: InterContinental è al settimo posto, con poco più di metà degli alberghi (il 56%) con wi-fi adeguato; poi Econo Lodge, Four Points e, al decimo posto, Marriott (54% degli alberghi con wi-fi adeguato ma solo il 18% che lo offre gratis). Altri grandi brand dell’hotellerie hanno posizioni di minore rilievo nella classifica con meno della metà delle strutture che offrono wi-fi di qualità: Sheraton è al 12° posto (47%), Best Western al 16° (46%), Hilton al 18° (46%), Sofitel al 20° (44%), Westin al 23° (43%).

Le performance delle catene, fa però notare HotelWifiTest, possono differire a seconda delle macro aree geografiche: per esempio, Marriott è al primo posto negli Stati Uniti, terza in Asia ma ottava in Europa, anche se in Asia l’82% dei suoi alberghi ha wi-fi di qualità contro il 64% in Europa e solo il 47% negli Usa. Hilton è 17° negli Usa (25%), ottava in Asia (55%) ma terza in Europa (74%). In generale, si evince analizzando le classifiche regionali, le catene alberghiere offrono una connessione migliore in Europa e in Asia rispetto agli Stati Uniti e, sempre in generale, chi ha la qualità più bassa tende però a metterla più spesso a disposizione gratuitamente.

© Event Report – riproduzione consentita con credito e link alla fonte

Commenta su Facebook