A Nova Yardinia il congresso nazionale degli enologi, il resort privatizzato per 3 giorni
A
I temi della comunicazione, del marketing, della salute, della sostenibilità e dei nuovi mercati sono stati al centro del 70° congresso nazionale di Assoenologi, che dal 30 maggio al 2 giugno si è svolto a Nova Yardinia Resort, la struttura di Castellaneta Marina gestita dal gruppo Greenblu.

La tre giorni pugliese, organizzata direttamente dall’associazione che rappresenta oltre il 90% dei tecnici vitivinicoli italiani, ha visto la partecipazione di 600 persone tra agronomi, enologi, chef, medici, relatori internazionali e accompagnatori. L'affluenza ha richiesto la privatizzazione dell'intero resort, composto dai due 4 stelle Calané Hotel & Conference Centre e Il Valentino Village e da altrettanti 5 stelle, l'Alborea Eco Lodge Suites e il Kalidria Grand Hotel & Talasso Spa.

Le 12 ore di sessione lavorative, svolte nel centro congressi Calané, hanno utilizzato soprattutto la formula del talk show. Il giornalista Bruno Vespa ha coordinato il confronto La cucina mediterranea e i vini italiani a cui è intervenuto, tra gli altri, lo chef stellato Heinz Beck, e il giornalista Davide Paolini ha condotto il dibattito Sostenibilità a 360 gradi.

Il programma ha previsto anche momenti conviviali e di intrattenimento come, per esempio, l’esibizione canora de Il Volo. Il trio di tenori vincitore del Festival di Sanremo 2015 ha animato la serata inaugurale durante la quale è stata assegnata la Targa d'Oro, premio conferito da Assoenologi a giornalisti del settore, a Luciano Ferraro, caporedattore del Corriere della Sera e autore del blog Corriere DiVini.

Nel corso della seconda giornata di congresso gli accompagnatori hanno preso parte a un programma di visite guidate alle Grotte di Castellana, ai Trulli di Alberobello e alla Valle d’Itria e a Matera, entrambe patrimoni dell’umanità dell’Unesco.

Commenta su Facebook