Eur spa vende 4 edifici per finire la Nuvola di Fuksas: il centro congressi di Roma sarà pronto nell’estate 2016
A
Il cantiere infinito del nuovo centro congressi di Roma arriverà forse a conclusione, ma non prima dell’estate 2016. Dopo innumerevoli annunci sulla fine dei lavori e le relative, innumerevoli smentite, pare ora che Eur Spa, la società proprietaria della struttura in costruzione, riuscirà a sbloccare il cantiere grazie ai proventi della vendita di 4 edifici, che saranno acquisiti dall’Inail per 297,5 milioni di euro.

Eur Spa cederà 4 palazzi storici – l’Archivio di Stato e i musei Pigorini, Arti e tradizioni popolari, Alto medioevo – con rogito a settembre, riporta il Corriere.it, quando la società comincerà anche a operare in proprio il Palalottomatica, finora gestito da All Events con un contratto che scade proprio a settembre.

Dei 297,5 milioni che entrereanno nelle casse di Eur Spa circa 200 serviranno a coprire l’esposizione verso anche e fornitori e a scongiurare il rischio di fallimento, mentre la restante parte, insieme al prestito di 37 milioni già accordato dallo Stato, sarà utilizzata per terminare i lavori della Nuvola.

Secondo il Corriere.it, infine, il presidente di Eur Spa Pierluigi Borghini sarebbe già pronto a proporre il nuovo centro congressi quale sede degli uffici delle delegazioni olimpiche nell’ambito della candidatura di Roma ai Giochi del 2024.

Commenta su Facebook

Altro su...

Centri congressi