Location inusuali: riapre il Museo Fisogni, l'unico al mondo dedicato ai distributori di benzina, gli eventi nell'antica corte
A
È stato presentato alla stampa e sarà inaugurato il 26 aprile, quasi in concomitanza con Expo, il Museo Fisogni, unica collezione al mondo dedicata al mondo delle stazioni di servizio (distributori di benzina). L’insolito museo, parte del network Triennale di Milano-Triennale Design Museum, si trova a Tradate, in provincia di Varese, e dista 50 chilometri da Milano.

Il Museo Fisogni non è nuovo: sino a 15 anni fa era ospitato a Palazzolo, in Brianza, negli spazi dell’azienda di Guido Fisogni, l’imprenditore che, nell’arco di 40 anni, ha raccolto in tutto il mondo 5mila memorabilia compresi targhe, compressori, oliatori, grafiche pubblicitarie, gadget e giochi legati ai distributori di benzina.

Dopo la cessione dell’impresa e dopo una “sosta” in un magazzino, oggi gli oggetti che fanno la felicità degli appassionati di motori e "antiquariato" hanno trovato una nuova casa. Una corte del Settecento di proprietà di famiglia situata nel centro di Tradate, restaurata proprio per farne sede museale che, lungo le stanze e corridoi, ripercorre in ordine cronologico l’evoluzione dei distributori di benzina dal 1892 al 1990.

“La mia passione è nata negli anni Sessanta e non si è ancora esaurita”, dice Fisogni. “Mi piace poterla condividere con chi, come me, sa emozionarsi di fronte oggetti che dimostrano come in passato fosse alta l’attenzione al design, ancor prima che diventasse un fenomeno di costume”.

La collezione, che per la sua completezza ha ricevuto nel 2001 il certificato Guinness World Records, propone pezzi unici. Per esempio, i primi distributori di carburante italiani, piccoli contenitori su ruote che venivano collocati fuori dalle farmacie, le uniche attività commerciali autorizzate a vendere petrolio. E poi, il pezzo benzina pura disegnato dall'architetto Piacentini per Mussolini in stile littorio e l’ottocentesco distributore di Buckingham Palace sormontato dalla corona regale.

Il museo è utilizzabile come location per eventi e interamente privatizzabile: si estende su una superficie interna di 400 metri quadrati, che comprende una sala allestita per board meeting sino a 20 persone. Al termine di visite guidate – anche dallo stesso Fisogni – cene di gala sino a 300 posti seduti (catering libero), lanci di prodotto e spettacoli musicali possono essere allestiti nel cortile interno di 500 metri quadrati e nel parco secolare di 15mila metri quadrati.

Il museo resterà aperto sino al 31 ottobre 2015 per poi rispettare la chiusura invernale. L’entrata per il pubblico è gratuita con offerta libera.

Commenta su Facebook