Il Centro Congressi di Genova chiude il 2014 con 53 eventi: prevalgono quelli aziendali e aumentano quelli internazionali
A
Positivo il bilancio di fine anno del Centro Congressi di Genova, che chiude il 2014 con 53 eventi ospitati per un totale di 94mila partecipanti: in particolare, la struttura ha registrato l’incremento dei congressi internazionali – 11, contro gli 8 del 2013 – e la prevalenza degli eventi aziendali (16 in totale), che si sono affermati nonostante il perdurare della congiuntura economica negativa.

Fra gli eventi di maggiore rilievo dell’anno, aziendali e associativi, il centro congressi segnala l’AEGPL Congress 2014, promosso dall’associazione europea dedicata al GPL e tornato in Italia dopo 6 anni di assenza, l’Euroforum 2014, evento corporate sul settore dell’arredamento che in 4 giorni ha registrato oltre 3mila partecipanti, gli AIVP Days, cioè l’assemblea mondiale delle città portuali, il CP Expo, meeting europeo sulla sicurezza, il Dealer Meeting New Ducato Fiat e il Festival del Franciacorta.

I congressi medici sono stati quelli che hanno fatto registrare il più elevato numero di partecipanti: il congresso della Società Italiana di Cardiologia Invasiva, per esempio, ha portato a Genova 3.600 delegati, il Termis Eu Chapter Meeting 2014, convegno europeo sull’ingegneria tissutale e medicina rigenerativa, ha visto la presenza di 4.000 congressisti e l’evento della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali ha registrato 3.200 partecipanti. Nel 2014 i delegati agli eventi aziendali e associativi ospitati nel Centro Congressi dei Magazzini del Cotone hanno soggiornato a Genova per una media di 3 giorni.

I risultati positivi sono frutto della strategia di promozione implementata in collaborazione con il Convention Bureau di Genova, che ha visto il Centro Congressi partecipare a 10 tra fiere e workshop di settore in Italia e all’estero, e del potenziamento dell’attività di marketing online, con la presenza su Twitter e Linkedin e il restyling del sito internet, ora basato su tecnologia responsive, più interattivo e più ricco di contenuti.

Commenta su Facebook