A Fiera Milano copertura wi-fi totale: da fine anno anche servizi di proximity marketing per espositori e visitatori
A
È stata completata l’infrastruttura wi-fi che garantisce all’intero quartiere fieristico la connessione internet mobile in vista della prossima introduzione di nuovi servizi digitali. Fiera Milano procede dunque sul fronte dell’upgrade tecnologico con l’ambizione di collocarsi fra i poli espositivi più avanzati d’Europa.

“Anche nel mondo delle fiere, e soprattutto da parte dei nostri clienti che provengono da paesi in cui è più accentuata la cultura digitale, l’uso di smartphone e tablet per interagire con l’ambiente e cercare informazioni geolocalizzate è ormai un’abitudine diffusa”, dice Enrico Pazzali, amministratore delegato di Fiera Milano. “Così diffusa da influenzare il giudizio sulla qualità complessiva dei servizi ricevuti. Su questi canali non passano solo informazioni ma anche opportunità di business. Per difendere la sua leadership Fiera Milano doveva operare un upgrade tecnologico del quartiere”.

Il servizio di connettività è fornito da Fastweb, che fino al 2020 si occuperà sia dell’erogazione del wi-fi sia della gestione delle telecomunicazioni all’interno della struttura fieristica, ed è gia stato sperimentato a settembre con Micam e Mipel, le prime fiere della stagione. L’infrastruttura offre un’ampiezza di banda che può supportare un elevato numero di connessioni contemporanee e la copertura del segnale wi-fi può essere attivata per tutto il quartiere fieristico, per singoli padiglioni o per singole aree all’interno dei padiglioni, con diverse velocità e diversi servizi connessi.

Saranno quindi gli organizzatori delle fiere e degli eventi a stabilire di volta in volta quale tipo di servizio vogliono erogare ai propri espositori e visitatori: copertura universale o soltanto per un segmento di utenza, connessione gratuita oppure a pagamento. Entro fine anno Fiera Milano attiverà inoltre un servizio di proximity marketing che, per esempio, consentirà agli organizzatori fieristici di ottenere report analitici sui comportamenti di visita basati su un sistema di tracciatura anonima dei flussi, agli espositori di affinare il “matching” con i visitatori e generare contatti qualificati e ai visitatori di ricevere informazioni personalizzate basate sulla prossimità e di “ripercorrere” la visita in fiera riaccedendo alle informazioni sulle aziende visitate.

Commenta su Facebook