L’effetto Expo 2015 sul settore alberghiero: le catene internazionali valutano nuove aperture a Milano
A
Già destinazione di notevole attrattiva per le catene alberghiere internazionali, Milano è ora oggetto di ulteriore interesse da parte dell’hotellerie: è uno degli effetti di Expo 2015, in previsione del quale si potrà assistere all’ingresso in città di brand finora assenti.

È quanto stima la multinazionale degli investimenti immobiliari Colliers International, che già da qualche anno rileva l’aumento dell’occupazione nelle strutture ricettive milanesi (nonché l’aumento dei prezzi). La previsione del CEO di Colliers International in Italia Ofer Arbib, ripresa dal Sole 24 Ore, è quindi che le catene alberghiere internazionali stiano valutando con rinnovato interesse l’opportunità di inserire Milano nel proprio portfolio di destinazioni con nuove aperture.

Oltre a registrare l’interesse di gruppi cinesi che cercano strutture da gestire direttamente, dice Arbib, i grandi brand che potrebbero valutare il proprio ingresso in città sono St. Regis, Waldorf Astoria, Rosewood, Corinthia, ME by Melià, Hotusa, Hard Rock Cafè Hotel, Penta Hotels, Motel One e Leonardo Hotels, coprendo quindi sia la fascia alta del mercato sia quella più economica.

Commenta su Facebook