Rimini si trasforma: il piano strategico darà nuova vita a centro storico e lungomare
A
Un nuovo percorso di trasformazione verso uno sviluppo incentrato su qualità urbana e paesaggistica e sostenibilità ambientale e sociale: Rimini sta cambiando volto, con un piano strategico che coinvolge il centro storico e il lungomare, la mobilità e i servizi in un'ottica di rinnovamento che guarda la futuro. E che creerà anche nuovi spazi per eventi.

Le due direttrici del rinnovamento
Sono due le linee principali ad animare la “rivoluzione” che sta trasformando Rimini in una città europea e contemporanea, conciliando tradizione e innovazione in un nuovo disegno di futuro urbanistico e qualità della vita. Da un lato, un programma di recupero complessivo del suo centro storico e dei suoi monumenti e manufatti romani e rinascimentali, dalla Domus del Chirurgo al Castello rinascimentale. Dall’altro, un’operazione di riqualificazione strutturale di tutto il lungomare (progetto “Parco del Mare”), accompagnata da interventi di risanamento ambientale e da una integrale riorganizzazione del sistema viario e della mobilità.

Nuova vita al cuore storico di Rimini
Il nuovo “piano strategico” di Rimini, Rimini Venture 2027, prevede innanzitutto una valorizzazione dei luoghi urbani storici e a forte valenza identitaria, a partire dalla riqualificazione del centro storico della città con la ricostruzione del Teatro Amintore Galli collegata alla riprogettazione unitaria di Piazza Malatesta fino al Castello Malatestiano e la creazione di nuovi spazi per eventi tra cui il Giardino del Castello e l’Arena del Bastione. Quest’ultima una serie di sedute ad emiciclo che si affaccia su un piccolo spazio-palcoscenico, con una capienza di circa 400 posti a sedere.

Sulle tracce di Federico Fellini
È in partenza anche il programma di restauro e l’ampliamento della biblioteca storica Gambalunga, prima biblioteca civica in Italia, e il progetto "Museo Fellini". Progetto chiamato a rievocare i temi dei luoghi e della memoria legati a Federico Fellini e al suo Cinema, che vedrà l’articolarsi di un percorso museale diffuso nel centro storico appositamente riqualificato e che si svilupperà fra tre grandi luoghi. Il primo la Casa del Cinema Fulgor, monumento felliniano della città, con due sale cinematografiche, di cui quella storica e il foyer allestiti in stile anni ’30 dal premio Oscar Dante Ferretti. Il secondo, Castel Sismondo, che accoglierà set felliniani ricostruiti. Infine, il CircArmarcord-Arena delle Arti: un grande parco dell’immaginario che ospiterà spettacoli temporanei, allestimenti e installazioni interattive ispirati ai luoghi, alle situazioni, ai temi dei film, in grado di coinvolgere e trasportare persone di ogni età e cultura nel mondo magico del maestro riminese.

L’innovazione del concept balneare: il “Parco del Mare”
Il “Parco urbano del Mare” è invece un progetto che vuole rigenerare in profondità e nel tempo i 15 km di litorale di Rimini, quale nuovo luogo urbano attrattivo e, soprattutto, a vocazione internazionale. Una trasformazione che è fisica e spaziale, con verde, spazi aperti, passeggiata, attrezzature, servizi dove oggi vi è asfalto o marginalità, ma che si regge su un cambio culturale e relazionale profondo. Una nuova prospettiva che vuole recuperare un nuovo rapporto con la risorsa mare migliorandone la qualità biologica, la bellezza e la possibilità per le persone di viverlo con piacere.

Nuova mobilità e nuovi servizi
A tutto questo bisognerà aggiungere la continuità dei percorsi pedonali e ciclabili, sotto forma di passeggiata, inserimento di nuove funzioni commerciali e ristorative, per il tempo libero e per le attività ricreative. Sarà poi realizzata, per il benessere all’aria aperta e l’attività sportiva, la Site Specific Gym più grande d’Europa, luogo perfetto per il seawellness e l’attrattività turistica e la cultura. Interventi che renderanno il parco del mare una realtà fruibile tutto l’anno e in più ore del giorno e della sera.