Wired Next Fest: a Milano si celebrano tecnologia, innovazione e creatività, produce Piano B
A
Conferenze, keynote speech, laboratori, spettacoli e mostre che si succedono, nell’arco di 3 giorni, per divulgare la cultura dell’innovazione e della tecnologia e per parlare di creatività ed eccellenza quali chiavi per affrontare il futuro: il Wired Next Fest, organizzato dal mensile Wired dell’editore Condé Nast in collaborazione con il Comune di Milano, torna a calcare la scena dei Giardini Montanelli e delle location limitrofe con un programma che vedrà on stage 100 relatori e 120 eventi.

Obiettivo dell’evento, che si svolge dal 16 al 18 maggio ed è prodotto e coordinato dall’agenzia Piano B, è offrire al grande pubblico (lo scorso anno i partecipanti erano stati 30mila) un percorso di esplorazione di tutto ciò che è innovativo, utilizzando molteplici linguaggi per meravigliare, emozionare e intrattenere. A ognuna delle tre giornate è stato attribuito un tema (velocità, visibilità e leggerezza) che viene sviluppato attraverso il contributo di speaker italiani e internazionali, tutti innovatori che con le loro idee hanno cambiato la realtà che li circondava.

La prima giornata è dedicata alla velocità e ai protagonisti della nuova imprenditoria italiana, che racconteranno le proprie storie di innovazione: per esempio, il giovane Andrea Vaccari e la sua avvincente storia professionale con Facebook e Mark Zuckerberg, l’imprenditore e presidente della Juventus Andrea Agnelli, Yossi Vardi, tra i più importanti investitori globali sulla scena delle startup, il portiere della Nazionale Gigi Buffon, che racconterà la sua avventura come azionista di maggioranza di Zucchi.

La visibilità, cioè la capacità di rendere visibile e condivisibile ciò che tende a essere trascurato nel nostro rapporto quotidiano con la realtà, è invece il tema della seconda giornata, che riunisce alcune delle menti più brillanti della scienza, della ricerca, del sapere umanistico, della politica, dell’economia e dell’attivismo sociale e civile in una conversazione multidisciplinare e aperta alla reciproca ispirazione. Fra gli ospiti si segnalano lo scrittore Evgeny Morozov, da sempre critico sulla visione entusiasta della rete, il giovane Jack Andraka, che disserterà sulla ricerca scientifica ai tempi di Wikipedia; l’indiano Deepak Ravindran, tra i maggiori innovatori emergenti under 40 in Asia; il politologo inglese Andrew Keen, che parlerà dei primi 25 anni del web; la giornalista Carola Frediani che racconterà Deep web e Anonymous e intervisterà l'hacker Jaromil, programmatore di software libero, media artist e attivista. A chiudere la serata di sabato un grande dj set, l’unica data italiana di Giorgio Moroder, a ingresso gratuito.

L’ultima giornata sarà quella della leggerezza, cioè la capacità di creare una nuova prospettiva per trasformare il nostro rapporto quotidiano con la realtà, e sarà dedicata ai protagonisti dell’innovazione nel mondo dei media, dello spettacolo e dello sport, agli artisti e alle voci nel campo del gusto, dell’arte e della moda. Fra gli speaker, l’astronauta Luca Parmitano, testimonial del semestre di presidenza italiana della UE, il regista Gabriele Salvatores che anticiperà i temi del suo prossimo film di fantascienza, gli chef stellati Davide Oldani e Heinz Beck, con un dialogo dedicato alla scienza in cucina, l’istrionico fumettista Zerocalcare, Stephen Attenborough di Virging Galatic con cui si parlerà di vacanze nello spazio.

Nei giardini Montanelli il Next Fest allestisce 8 dome, strutture a igloo che ospiteranno gli eventi e le attività degli sponsor: ci sarà il dome Expo 2015, dove sarà possibile approfondire le tematiche dell’Esposizione Universale, quello di Audi con l’esposizione della R18 e-tron quattro, il dome di Hello bank!, la Banca digitale di BNL Gruppo BNP Paribas, che accoglierà “Hello! Talk”, l’evento educational dedicato alla cultura digitale e all’evoluzione delle società. Nel dome di Enel si esporrà il progetto della Smart city per Expo, la città intelligente basata sull’integrazione in rete delle fonti di energia rinnovabili, dell’illuminazione pubblica a Led e della infrastruttura di ricarica per le vetture elettriche, mentre in quello Vodafone i visitatori potranno testare la connessione in fibra di nuova generazione. Altri eventi si svolgeranno al Planetario e al Museo civico di storia naturale.

Commenta su Facebook