Nasce Milano XL, la festa della creatività italiana: 7 installazioni per celebrare le filiere produttive del Made in Italy
A
Animerà le vie e le piazze di Milano dal 16 al 26 settembre, durante la settimana della moda, con installazioni che racconteranno l’eccellenza manifatturiera italiana celebrando la creatività delle sue imprese. Il progetto si chiama Milano XL ed è frutto di un accordo di sistema tra il Ministero dello Sviluppo economico e il Comune di Milano, con Fondazione Altagamma e Confindustria che ne saranno i soggetti attuatori.

Attraverso la realizzazione di 7 grandi installazioni scenografiche, dislocate in diversi punti della città, Fondazione Altagamma e Confindustria insieme a organizzazioni leader nei diversi settori produttivi – Anfao con Mido (occhialeria), Cosmetica Italia con Cosmoprof, Federorafi, Milano Unica (tessuti) con il suo partner storico SMI, Unic con Lineapelle (concia) e Fiera Milano con Sì Sposaitalia Collezioni (bridal fashion) – faranno conoscere al grande pubblico la creatività e il saper fare della manifattura italiana, che realizza prodotti di alta gamma riconosciuti a livello internazionale.

“I settori dello stile che saranno rappresentati” ha commentato il sottosegretario allo Sviluppo economico Ivan Scalfarotto, “fatturano oltre 104 miliardi di euro, di cui 64 sui mercati esteri, e impiegano più di 600mila addetti in 70mila aziende lungo l’intera filiera. Milano XL per la prima volta metterà in scena tutta insieme l’eccellenza del saper fare italiano: dalla moda al gioiello, dalla cosmesi agli accessori, dagli occhiali al tessile, in un racconto di cultura, saperi, creatività e capacità tecnica che contribuisce in modo decisivo all’immagine dell’Italia nel mondo.”

Il progetto si svilupperà sotto la direzione artistica di Davide Rampello e con le scenografie di Margherita Palli. “Le installazioni non saranno solo un omaggio alla cultura del bello”, spiega l’assessore alle Attività produttive, commercio, moda e design Cristina Tajani, “ma soprattutto un omaggio a un sistema, quello della moda, che partecipa attivamente allo sviluppo produttivo ed economico della città e dell’intero sistema paese: basti pensare che la sola settimana della moda di settembre mobilita un indotto in città di circa 50 milioni di euro”.

Commenta su Facebook