Le Olimpiadi diventano tecnologiche: il CIO annuncia la partnership con Intel per le prossime 4 edizioni dei Giochi
A
Trasmissioni live in realtà virtuale, spettacoli di luci con i droni, tecnologie di replay a 360 gradi, piattaforme di intelligenza artificiale: le prossime 4 edizioni dei Giochi Olimpici offriranno agli spettatori negli stadi e al pubblico ai quattro angoli del pianeta un’esperienza completamente nuova delle competizioni sportive, tutta in chiave tecnologica e digitale.

Questo il senso dell’accordo che il Comitato Olimpico Internazionale ha siglato con Intel, il gigante americano dei microporocessori che diventa “top partner globale” delle Olimpiadi per le edizioni di PyeongChang 2018, Tokyo 2020, Pechino 2022 e per i Giochi del 2024, ancora da assegnare.

Le Olimpiadi, sottolinea il CIO, sono uno straordinario palcoscenico globale per mostrare come la tecnologia può trasformare lo sport, e Intel metterà a disposizione le sue nuove soluzioni progressivamente nel corso della partnership pluriennale, cominciando proprio con i Giochi invernali del 2018 in Corea del Sud.

Fra le novità che saranno implementate da Intel ci sarà per esempio la prima trasmissione live in realtà virtuale, che offrirà agli spettatori un’esperienza immersiva delle gare di cui fruire dal divano di casa. Ci saranno poi gli show di luce con i droni, che per la cerimonia di apertura di PyeongChang proietteranno nel cielo immagini spettacolari e che serviranno poi per le riprese dall'alto delle gare. Un’altra novità sarà la tecnologia per il replay a 360 gradi, che permetterà agli spettatori degli stadi di vedere i momenti più spettacolari delle competizioni da ogni angolazione possibile, e in futuro consentirà anche a chi assiste da casa di “scegliere” il proprio punto di osservazione, facendo per esempio l’esperienza del posto in prima fila.

Intel fornirà inoltre piattafome di comunicazione 5G e contenuti e supporto tecnologico per i servizi di trasmissione televisiva e per l’Olympic Channel, il portale web dedicato allo sport olimpico e non solo.

Commenta su Facebook