Come eravamo senza e come diventeremo con il web: all’Internet Festival di Pisa gli scenari del cambiamento in 200 eventi
A
È un viaggio nel tempo che parte dagli anni Ottanta per arrivare al 2048 quello che intende percorrere l’Internet Festival in programma dal 6 al 9 ottobre a Pisa.

Gli oltre 200 tra workshop, incontri e laboratori che si svolgeranno a ingresso libero in 20 location della città hanno infatti l’obiettivo di ricordare il contesto politico, sociale, economico e tecnologico che trent'anni fa ha permesso il decollo della rivoluzione digitale e, contemporaneamente, di indagare come sarà la società del prossimo futuro in cui “la rete sarà come un telaio che intreccia e connette dati, concetti e relazioni”.

Il tema dell’evento, riprendendo la metafora della rete come un telaio, sarà Tessuti digitali e sarà sviluppato in differenti sezioni, ognuna delle quali affronterà il digitale applicato a specifici argomenti. Per esempio, Economia e startup sarà dedicata ai nuovi modelli di impresa; Cybersecurity alla sicurezza dello scambio e del flusso dei dati; Muoversincittà alla mobilità cittadina sostenibile; Scena digitale al digital marketing e alla digitalizzazione delle piccole e medie imprese e Turismo a come attrarre turisti utilizzando il web marketing.

A fare da guida nel viaggio nel tempo in qualità di speaker saranno esponenti della cultura, dell’arte, della politica, dell’imprenditoria e dello spettacolo quali, per esempio, la giornalista Lucia Annunziata, l’economista statunitense Robin Hanson, il giornalista e scrittore Mario Calabresi, l'esperto di innovazione Riccardo Luna, la docente di turismo enogastronomico Slawka Scarso, il digital marketing manager Gianluca Diegoli e l’attrice Iaia Forte.

Internet Festival è diretto da Claudio Giua, presidente di Fondazione Sistema Toscana, e organizzato da Adriana De Cesare per Fondazione Sistema Toscana. Il programma completo è consultabile sul sito del festival.

Commenta su Facebook