Il Wired Next Fest per la prima volta a Firenze: 2 giorni di innovazione sul tema della bellezza come motore di cambiamento
A
Il tema della prima edizione fiorentina del festival dell’innovazione è, non a caso, la “bellezza”, intesa non solo in senso artistico ed estetico, ma anche come elemento culturale che è motore di cambiamento. Forte del successo di 4 edizioni milanesi il Wired Next Fest, festival dell’innovazione promosso da Wired Italia, arriverà a Firenze il 17 e 18 settembre con la formula consolidata: raccontare la scienza, la tecnologia, il business, il web e la voglia di cambiamento attraverso conferenze, laboratori e performance artistiche ed esibizioni a ingresso gratuito per tutti i cittadini.

I protagonisti saranno oltre 100 speaker italiani e internazionali, fra i quali spiccano molti nomi di eccellenza nel campo dell’innovazione: si va da Lorenzo Thione, il padre di Bing, il motore di ricerca di Microsoft, a Joris Evers, vicepresidente di Netflix; da Scott Fahlman, inventore degli emoticon, a Luciano Floridi, direttore della ricerca all'Oxford Internet Institute. L’innovazione è un tema trasversale, e fra gli ospiti ci saranno anche Monica Cirinnà, la senatrice prima firmataria della legge sulle unioni civili tra persone dello stesso sesso, l’astronauta Luca Parmitano, il fumettista Zerocalcare, l’attore Pierfrancesco Favino, lo chef Massimo Bottura.

Gli eventi si svolgeranno a Palazzo Vecchio, che mette a disposizione il Salone dei Cinquecento e la Sala D’Armi, e al Palagio di Parte Guelfa, dove si svolgeranno workshop e laboratori. La sera del 17 settembre un concerto di musica elettronica con alcuni dei più importati artisti della scena nazionale e internazionale, completerà il palinsesto. L’accesso al Wired Next Fest è gratuito ma occorre registrarsi sul sito della manifestazione.

Commenta su Facebook