La finale di Champions League porterà a Milano un indotto di 25 milioni, alberghi alle stelle ma tutti pieni
A
La finale di Europa League tra il Liverpool e il Siviglia giocatasi ieri sera a Basilea ha portato alla città svizzera circa 14,7 milioni di euro, una somma di tutto rispetto che però sembra ben poca cosa in confronto agli oltre 25 milioni che arriveranno a Milano per la finale di Champions League tra il Real Madrid e l'Atletico, le due squadre madrilene.

Secondo le stime diffuse dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza, per l’incontro che si giocherà sabato 28 maggio allo stadio Meazza di San Siro sono attesi 80mila tifosi che spenderanno 5,6 milioni di euro per lo shopping, 4,5 milioni per i servizi di ristorazione e 2,2 milioni fra trasporti e visite a monumenti e musei.

La voce della spesa che da sola copre oltre la metà dell’indotto complessivo generato dall’evento sportivo è quella per l’alloggio. Per pernottare a Milano i supporter delle due squadre investiranno infatti 12,7 milioni, arrivando pagare per una camera d’albergo una cifra che supera di ben il 268% quella media del mese.

Trivago ha infatti rilevato che le tariffe degli hotel milanesi per il 27 e il 28 maggio arrivano rispettivamente a 375 e 479 euro per notte, contro i 130 abituali del periodo. Gli alberghi più cari sono quelli più vicini allo stadio: in quelli situati nel raggio di 5 chilometri dal Meazza il costo della camera raggiunge i 471 euro. E nonostante le tariffe stellari al momento solo il 6% degli alberghi milanesi dispone di almeno una camera libera. Per il resto è tutto esaurito.

Una curiosità. L’indotto generato dalla finale avrebbe potuto anche essere più alto. La Camera di Commercio di Monza e Brianza afferma che se una delle squadre fosse stata il Manchester City la partita avrebbe fatto incassare alla città 26,2 milioni di euro in virtù della maggiore capacità di spesa dei tifosi inglesi.

Commenta su Facebook