Aperta a Milano l'Esposizione della Triennale, in 5 mesi l'evento porterà 140 milioni di euro al territorio
A
Dopo vent'anni di assenza è tornata a Milano l'Esposizione Internazionale della Triennale, l'Expo del design riconosciuto dal BIE, e a essere contenti del grande ritorno sono sì i professionisti e gli appassionati della specialità, ma anche gli operatori del commercio, della ristorazione e dell’industria alberghiera.

L’evento diffuso, che ha come tema 21st Century. Design after design è stato inaugurato sabato scorso e da qui al 12 settembre porterà sul territorio un indotto turistico di quasi 140 milioni di euro. I visitatori delle 22 mostre e delle centinaia tra eventi, festival, rassegne, concerti e iniziative collaterali che si svolgeranno in circa 20 location oltre a quella centrale del Palazzo dell’Arte (sede della Triennale), spenderanno più di 50 milioni di euro per l’alloggio, 39 milioni per la ristorazione, 28,8 per lo shopping, 11,8 per spese personali e 7,4 per i trasporti.

Le stime sono della Camera di Commercio di Monza e Brianza, che ha indagato anche il sentiment di cittadini e imprese verso questa nuova Esposizione invitandoli a esprimere con voti da 1 a 10 il proprio giudizio e aspettativa. Il risultato è positivo: la Triennale si aggiudica il 7 pieno come evento capace favorire la ripresa economica, la valorizzazione all’estero del brand Milano, lo sviluppo e la realizzazione di attività culturali e la crescita del settore del design.

Secondo l'indagine sono pronti a visitare la Triennale sono 8 cittadini su 10, anche se non tutte le location coinvolte sono ugualmente conosciute. Quelle più note sono la Triennale, la Fabbrica del Vapore, l’Expo a Rho e l’Hangar Bicocca, seguite dalla Villa Reale di Monza, il Mudec e il Museo della Scienza e della Tecnologia, il Museo Diocesano e le università.

Sempre secondo le rilevazioni della Camera di Commercio, il 18% delle imprese ritiene che beneficierà direttamente dell’evento. Dopo Milano e Monza, sono Varese, Como e Pavia le province più ottimiste sulle ricadute economiche per il territorio.

Commenta su Facebook