Al Politicians Forum di IMEX focus su come valorizzare gli investimenti delle destinazioni per acquisire eventi
A
Il keynote speech di apertura sarà tenuto da Stuart Ayres, ministro del commercio, turismo e grandi eventi dello stato australiano del New South Wales, che parlerà di come meeting ed eventi di business generano ottimismo politico laddove supportano il commercio, le esportazioni, gli investimenti, ma anche l’economia della conoscenza e l’acquisizione di talenti.

Il crescente contributo che gli eventi apportano allo sviluppo economico, scientifico e sociale delle destinazioni che li ospitano sarà quest’anno il tema centrale del Politicians Forum, il format di interlocuzione fra il settore congressuale e la politica inventato da IMEX che si terrà il 14 aprile, in concomitanza con la fiera, all’Hotel Villa Kennedy di Francoforte.

Negli anni, il Politicians Forum si è dimostrato un’efficace piattaforma per illustrare ai rappresenanti delle istituzioni il valore degli eventi, anche oltre i più comunemente noti benefici turistici. All’edizione di qust’anno parteciperanno 40 politici, rappresentanti di istituzioni nazionali e territoriali provenienti da tutto il mondo, e 20 rappresentanti del settore congressuale: la giornata di confronto e condivisione di esperienze sarà incentrata su come le destinazioni (cioè i paesi, le regioni, le città) possono valorizzare al meglio gli investimenti fatti per acquisire eventi internazionali e beneficiare degli effetti positivi di ricaduta economica, occupazione e crescita intellettuale e imprenditoriale che gli eventi possono portare.

Dopo lo speech di apertura, il programma prevede due sessioni di condivisione di best practice: una a livello nazionale, condotta dal ministro dell’industria e del commercio islandese Ragnheidur Elin Arnadottir, l’altra a livello regionale, moderata dall’ex parlamentare britannico John Greenway. I partecipanti si riuniranno quindi per la sessione principale, nella quale la discussione verterà sul futuro del mercato degli eventi e su come le destinazioni si devono preparare alle sfide dei prossimi 15 anni.

Commenta su Facebook