Nel turismo vinceranno i modelli di business guidati dalle tecnologie: a TTG Incontri Google entra nel dibattito sull’innovazione
A
Ora che anche Google è entrato nell’arena dell’intermediazione turistica, annunciando che tratterrà un commissione per ogni hotel cercato attraverso il proprio motore di ricerca e poi prenotato, occorre ripensare mercato e posizionamenti. Per il momento succederà solo negli Stati Uniti, ma presto potrebbe avvenire anche in Europa. Il tema forte, che coinvolge direttamente le agenzie ma anche l’intero mondo del turismo, è quello del cambiamento.

“Aprirsi al cambiamento è inevitabile e fa bene” commenta Paolo Audino, direttore della business unit turismo di Rimini Fiera, che a pochi giorni dall’inaugurazione di TTG Incontri (a Rimini Fiera dall’8 al 10 ottobre), pone uno dei temi più scomodi per le agenzie, il peso sempre più grande delle OTA e da oggi anche di Google. E il futuro dell’intermediazione turistica sarà uno dei temi affrontati durante TTG Incontri, che nei tre giorni di manifestazione, aperta tutti gli operatori del settore, propone un programma denso di convegni, tavole rotonde e workshop dedicati all’innovazione.

“Saranno le tecnologie e i modelli di business che meglio le useranno a guidare il cambiamento e lo sviluppo” ribadisce Audino. “Lo dico perché la nostra decisione di aprire la fiera ad alcune aziende e ad alcuni business model, siano essi consolidati da anni o in via di rapida ascesa, non sempre viene compresa. Il senso è molto semplice: in un mercato che cambia, indipendentemente da quale sia il cambiamento, dal fatto che ci faccia del bene o del male, che ci piaccia o meno, che lo consideriamo giusto o ingiusto, la cosa peggiore che si possa fare è nascondersi”.

E così Google che diventa OTA per le prenotazioni alberghiere, sfidando Booking, Expedia e gli altri da una posizione di forza che gli deriva dall’essere il più grande motore di ricerca al mondo, consultato dalla maggior parte degli utenti che cercano una soluzione di viaggio, spariglia le carte, lasciando presagire che presto potrà fare lo stesso anche con i voli aerei.

Il confronto si aprirà a TTG Incontri, dove Google sarà presente con un proprio spazio e interverrà alla tavola rotonda Sistema paese alla prova: la sfida per conquistare il nuovo turista digitale planetario, in programma l’8 ottobre alle ore 14. Obiettivo dell’incontro è sensibilizzare istituzioni e operatori sul valore dell'innovazione, suggerendo possibili soluzioni per superare ostacoli, modelli di business obsoleti e la mancanza di un piano strategico di settore. Per Google vi parteciperà la senior industry analyst travel Serena Barbero, insieme a Roberto Liscia di Netcomm, Francesca Benati di Amadeus, Ruggero Frezza di M31 e Paolo Audino.

Al tema dell’innovazione e dei trend che porta con sé TTG Incontri dedicherà diversi eventi e format, fra cui la presentazione dell’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo del Politecnico di Milano e quella della Travel Industry and Online Travel Global Overview di Euromonitor. All’interno di un programma qualificato, i professionisti della filiera turistica mondiale troveranno risposte, spunti, e anche provocazioni.

Commenta su Facebook

Altro su...

Fiere

TTG Incontri

Turismo