L’Italia sarà a IBTM World, nonostante tutto: il Convention Bureau Italia coordina lo stand nazionale al posto dell’Enit in panne
A
Sarà il Convention Bureau Italia a coordinare la partecipazione degli operatori italiani all’IBTM World (già EIBTM) una delle due maggiori fiere internazionali del settore meeting ed eventi, e non l’Enit. L’Agenzia del Turismo, in stallo completo ormai da diversi mesi, non ha infatti confermato la propria partecipazione alla manifestazione, in programma dal 17 al 19 novembre a Barcellona.

A prendere in mano la situazione è stato quindi il Convention Bureau Italia, che si è confrontato con gli organizzatori della fiera e con l’Enit per riservare, in extremis, uno spazio nazionale italiano per almeno 20 operatori mantenendo invariata la quota di partecipazione di 3.500 euro richiesta inizialmente dall’Enit. Dal canto suo, l’Agenzia del Turismo contribuisce allo stand Italia con una quota, a integrazione di quella degli operatori, a copertura dello spazio espositivo e del relativo allestimento.

“Abbiamo cercato di muoverci in fretta per trovare una soluzione che garantisse visibilità all’Italia in un anno di importanti risultati in termini di crescita del turismo” ha detto Carlotta Ferrari, presidente del Convention Bureau Italia. “Per noi e per tutto il comparto italiano degli eventi è importante essere presenti a questi appuntamenti di settore”. E anche se con una presenza ridimensionata a causa dei tagli di budget e dei tempi strattissimi, anche quest’anno l’Italia sarà a Barcellona a presentare la propria offerta.

Commenta su Facebook