A Milano torna il futuro con Wired Next Fest, 4 giorni di innovazione prodotti da Piano B
A
Conoscere il futuro in anteprima piace. L’edizione 2014 del Wired Next Fest aveva fatto registrare un’affluenza di oltre 87mila partecipanti e quest’anno l’evento milanese aperto al pubblico e dedicato alla tecnologia e all’innovazione torna e conta di ottenere un coinvolgimento ancora maggiore grazie alla concomitanza con Expo 2015.

Il festival, ideato da Massimo Russo, direttore del magazine Wired Italia del gruppo editoriale Condé Nast, si svolgerà dal 21 al 24 maggio, ha il patrocinio del Comune di Milano e riconferma l’agenzia che lo aveva prodotto lo scorso anno.

È infatti Piano B a curare anche quest'anno l’organizzazione generale dell’evento, che si articolerà in workshop, interviste, keynote speech e spettacoli cui interverranno più di 120 ospiti provenienti dal mondo della scienza, della tecnologia, dell’economia, del digitale, della politica, dell’intrattenimento, della cultura e della società. Il parterre registra special guest come la pacifista iraniana e premio Nobel per la pace Shirin Ebadi, il pilota di sonde interplanetarie Andrea Accomazzo, lo scrittore Roberto Saviano, il pensatore indiano Salim Ismail e artisti come Gianni Morandi e i Subsonica.

Il Wired Next Fest si svolgerà in 4 location cittadine: il Museo Civico di Storia Naturale, il Planetario, L’hotel NH Touring e i Giardini Pubblici Indro Montanelli di Porta Venezia. Cuore dell’evento saranno i Giardini Pubblici dove i dome, strutture a forma di igloo, ospiteranno conferenze e seminari che avranno tra i temi principali anche lo sviluppo e gli scenari futuri del digitale. Per esempio, il fisico e informatico Alessandro Vespignani proporrà Briciole digitali: studiare il futuro dei sistemi sociali (e non solo) attraverso i Big Data, mentre il fondatore di Reputation.com Michael Fertik interverrà sul tema L’economia della reputazione: il capitale delle nostre impronte digitali con suggerimenti su come controllare, curare e ottimizzare la reputazione digitale.

Il digitale sarà protagonista anche al Museo di Storia Naturale dove i responsabili marketing di InfoCert conduranno il seminario Come l’identità digitale può cambiare la nostra vita e il team di Modis Italia fornirà una consulenza personalizzata e gratuita sul personal branding e darà consigli per redigere curriculum e cercare lavoro valorizzando la reputazione online.

Commenta su Facebook