L’impatto e l'eredità dei mega eventi: l’Organizzazione Mondiale del Turismo ne dibatte le potenzialità per le destinazioni
A
I mega eventi, soprattutto sportivi, sono uno dei fenomeni delle società globalizzata e costitusicono una straordinaria opportunità per generare flussi di visitatori verso le destinazioni che li ospitano; tuttavia, queste stesse destinazioni devono prepararsi accuratamente per accogliere manifestazioni di grande portata, dotandosi di strategie pre e post evento che si integrino nei piani di sviluppo delle città o territori coinvolti al fine di garantirsi una positiva eredità di lungo termine.

Questi i temi che saranno al centro del dibattito durante il Ministers Summit che si svolgerà il prossimo 4 novembre a Londra nell’ambito del World Travel Market, la fiera internazionale del turismo che lo co-organizza insieme all’UNWTO, l’Organizzazione Mondiale del Turismo.

Al dibattito, che sarà moderato da Charles Hodson, conduttore della nota trasmissione della CNN World Business Today, parteciperanno 150 ministri del turismo di tutto il mondo e rappresentanti di imprese private del settore quali catene alberghiere, tour operator, organizzatori di eventi.

I temi trattati spazieranno da come misurare l’impatto dei mega eventi sulle destinazioni a come queste devono attrezzarsi per progettare infrastrutture adeguate, da come dare ai mega eventi un taglio sostenibile a come tradurli in un brand di destinazione coinvolgendo la comunità e investendo nel capitale umano. Fra gli speaker, anche i ministri e i rappresentanti di enti del turismo di paesi che hanno recentemente ospitato grandi eventi come Sudafrica, Brasile, Regno Unito e Qatar, che ospiterà invece i Mondiali di calcio 2022.

Commenta su Facebook