Firenze acquisisce il congresso mondiale IAIA 2015, produrrà un fatturato di 900mila euro e 3mila pernottamenti
A
Si svolgerà ad aprile 2015 e vi parteciperanno circa 1.000 delegati provenienti da 100 paesi, insieme ad autorità della Banca Mondiale, delle Nazioni Unite e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Si tratta del congresso mondiale della International Association for Impact Assessment, l’associazione per la valutazione dell’impatto ambientale, che per la prima volta in 35 ha scelto l’Italia come destinazione ospite anche in virtù dei risultati ottenuti dal nostro paese, sul fronte di interazione tra ambiente, sostenibilità e social media, con il progetto Qcumber, selezionato come una delle 100 migliori idee al mondo agli startup games di Londra.

Il tema del congresso è infatti Impact Assessment in the Digital Era: saranno trattati gli aspetti d’integrazione tra ambiente e tecnologia, tra sostenibilità e nuovi media nelle città del futuro. L’evento assume quindi particolare importanza in un’Italia, impegnata in un percorso di progressiva digitalizzazione della pubblica amministrazione e dei servizi al cittadino secondo il modello delle Smart City.

Il congresso è stato acquisito anche grazie al supporto che Firenze Convention Bureau ha offerto a IAIA Italia e si terrà negli spazi del polo congressuale di Firenze Fiera; secondo le stime del convention bureau, produrrà un fatturato totale di circa 900mila euro, un impatto economico di 400mila euro e circa 3.000 pernottamenti.

La novità di quest’anno è data dall’organizzazione, all’interno del programma internazionale, di uno specifico evento nazionale che coivolgerà direttamente il territorio: cittadini, sindaci, associazioni, professionisti e realtà produttive potranno partecipare portando la loro esperienza di attori impegnati nel gestire le criticità ambientali e sociali; gli amministratori e sindaci italiani saranno inoltre coinvolti in una discussione aperta con i principali player tecnologici rispetto alle opportunità date dai nuovi sistemi di digitalizzazione.

Commenta su Facebook