Al Palacongressi di Rimini il congresso nazionale della CGIL, ottimizzati logistica e budget per gli eventi preparatori
A
La fidelizzazione di un cliente non va data per scontata. Lo sa bene Rimini che, nonostante ospiti fin dal 1991 L'evento nazionale più importante della CGIL, quest’anno ha messo in atto una sinergia con tutte le strutture congressuali della provincia per rispondere all’esigenza dell’associazione sindacale di organizzare congressi preparatori a quello principale ottimizzando logistica e budget.

Dal 6 all’8 maggio il Palacongressi di Rimini ha ospitato il XVII Congresso nazionale della CGIL, appuntamento a cadenza quadriennale che ha visto la partecipazione di 953 delegati, 1.600 invitati, 200 ospiti, 70 relatori e più di 100 tra giornalisti, fotografi e video operatori.

Il congresso è stato organizzato direttamente dalla CGIL, che si è appoggiata all’agenzia Adriapoint per la gestione dell'accommodation negli hotel riminesi del network Aia Palas: l’elemento di novità dell'edizione di quest'anno, sicuramente più sobria negli allestimenti rispetto a quelli precedenti, è stato quello dei lavori preparatori dell’assise di maggio, come conferma Federica Lucini, communication e marketing manager del Convention Bureau della Riviera di Rimini: “In questa edizione abbiamo svolto un lavoro complesso con la CGIL per riuscire a ospitare anche tutti i convegni di preparazione all’incontro nazionale. In questo modo siamo riusciti a costruire un percorso organizzativo e d’accoglienza risponendo al meglio alle richieste dei congressisti e delle loro associazioni”.

Da metà aprile, infatti, nel Palacongressi riminese e in quelli del territorio della Provincia, si sono svolti i congressi provinciali, quello regionale (a Riccione) e i congressi nazionali delle federazioni aderenti alla CGIL, ottimizzando così costi, tempi di trasferimento e gestione della logistica.

“Congressi di questi tipo hanno un impatto forte non solo per la struttura che li ospita ma per tutta la città e il suo territorio" commenta Federica Lucini. "Il ritorno di comunicazione per la destinazione è molto elevato: decine di articoli sulla stampa nazionale e servizi nei prime time dei telegiornali hanno fatto entrare Rimini e la sua capacità di accogliere grandi eventi nelle case di milioni d’italiani".

Commenta su Facebook