L’Arabia Saudita lancia il convention bureau nazionale, gli eventi portano nel paese 2,3 miliardi di dollari l’anno
A
Gli eventi fanno gola anche all’Arabia Saudita che, numeri alla mano, vi ha individuato un filone di business potenzialmente molto ricco. Dalla volontà di sviluppare, coordinare e promuovere l’offerta nasce quindi il Saudi Exhibition and Convention Bureau, costituito a Riyad sotto la presidenza di Salman bin Abdul Aziz, già a capo della Commissione Saudita per il Turismo e le Antichità.

È stata proprio la stessa Commissione, in collaborazione con la Banca Mondiale, a condurre una serie di ricerche sul mercato degli eventi saudita, dalle quali è emerso che ogni anno circa 3,2 milioni di visitatori si recano nel paese per partecipare agli eventi che vi sono tenuti, generando un impatto economico annuo di 2,3 miliardi di dollari.

Il Saudi Exhibition and Convention Bureau avrà il compito di raccogliere e analizzare i dati di settore, mappare le strutture per eventi, formare e certificare gli organizzatori, implementare strategie di marketing e sviluppare programmi universitari di formazione al settore e al destination marketing. Il bureau sarà governato da un Comitato di supervisione composto da rappresentanti dei ministeri degli Interni, del Commercio e industria, delle Finanze e da due rappresentanti delle imprese di settore nominati dalla Camera di Commercio saudita.

Commenta su Facebook