Sydney presenta il nuovo centro congressi da 800 milioni di euro, sarà gestito da AEG Ogden
A
È un complesso da 800 milioni di euro quello che Sydney si appresta a costruire per dotarsi di una moderna struttura congressuale che le permetterà di acquisire eventi internazionali di grandi dimensioni: presentato questa settimana dal premier dello stato del New South Wales australiano, di cui la città è capitale, comincerà a essere costruito a dicembre 2013, con la previsione di terminare i lavori a dicembre 2016.

Il complesso si chiama Darling Harbour Live e comprenderà non solo l’International Convention Centre Sydney (ICC Sydney), che sostituisce il “vecchio” Sydney Convention & Exhibition Centre, ma anche un teatro da 8mila posti per spettacoli e sessioni plenarie, un albergo da 900 camere e spazi commerciali, per l’intrattenimento e la ristorazione.

Il centro congressi avrà una capacità complessiva di 12mila posti e potrà ospitare fino a quattro eventi in contemporanea: sarà dotato inoltre di 40mila metri quadrati di area espositiva, di un deck all’aperto di 5mila metri quadrati per eventi con vista sulla baia, e di uno spazio banqueting per più di 2mila persone sedute.

A gestire l’intero complesso sarà il consorzio Destination Sydney appena costituito, che ha come capofila AEG Ogden, società specializzata nella gestione di centri congressi, quartieri fieristici e arene sportive con più di 100 strutture dei cinque continenti in portafoglio.

BESydney, il convention bureau della città, ha già acquisito 107 eventi che si svolgeranno fra il 2012 e il 2018 e che si prevede porteranno a Sydney 430mila delegati e un ritorno sull’economia del territorio di circa 300 milioni di euro.

Commenta su Facebook