Rimini capitale del tempo libero co-organizza il World Leisure Congress, per la prima volta in Italia
A
Acquisendo il World Leisure Congress 2012, l’incontro biennale promosso dall’associazione americana non governativa World Leisure Organization per studiare e sviluppare il tempo libero come motore di crescita sociale e di benessere, il territorio di Rimini ha raccolto due sfide.

La prima è quella di farsi carico, insieme all’associazione internazionale, dell’intera organizzazione del congresso, e la seconda di contribuire a ripensare e rilanciare il concetto di leisure, un tema che il territorio riminese, nota destinazione turistica nonché "capitale del divertimento", vive e vivrà in futuro direttamente sulla propria pelle.

Il congresso avrà inizio domenica 30 settembre al Palacongressi di Rimini e durerà fino al 3 ottobre, coinvolgendo almeno 600 delegati al giorno, per un totale di 2.500 presenze, e tutti i principali player turistici, congressuali e pubblici riminesi. Il Convention Bureau della Riviera di Rimini e il Comune di Rimini sono infatti co-organizzatori dell’evento, di cui hanno curato la gestione del budget, la definizione dei contenuti e l’organizzazione logistica, insieme al board dell’associazione e con il contributo delle associazioni di categoria del territorio.

Organizzato per la prima volta in Italia, il World Leisure Congress ha come teme portante Come il leisure trasforma le città, in chiave di sostenibilità ambientale e di una migliore qualità della vita: un argomento di grande attualità, attorno al quale il comitato scientifico ha raccolto un numero record di abstract e di relatori internazionali, oltre 50, che si confronteranno in quasi 80 eventi tra convegni, workshop e seminari.

Tra gli interventi in programma quelli di Josep Acebillo, l'architetto spagnolo che ha progettato le infrastrutture realizzate a Barcellona in occasione dei Giochi Olimpici del 1992, di Giandomenico Amendola, professore ordinario di Sociologia urbana nella Facoltà di Architettura dell'Università di Firenze, e di due ambasciatori dell’eccellenza Made in Italy: Igino Straffi, creatore della famosa serie di cartoon Winx e Nerio Alessandri, patron di Technogym.

Molto eterogenea la provenienza dei congressisti (membri dell’associazione, manager, accademici, pubblici amministratori, studenti, imprenditori ed operatori del settore privato) che arriveranno da 29 paesi del mondo, tra cui Australia, Brasile, Canada, Cina, Israele, Messico, Nigeria, Sudafrica, Tailandia, Turchia, Usa e le principali nazioni europee.

Il programma sociale si svolgerà anche al di fuori della città, con escursioni e cene presso il parco Minitalia, San Marino e il borgo medioevale di San Leo.

Commenta su Facebook